Recovery Fund: può avere un impatto fino a 3 punti di Pil

Banca d’Italia: in vista dell’arrivo del Recovery Fund, “l’Italia è chiamata a uno sforzo straordinario nell’attività di programmazione e una capacità di realizzazione che non sempre il Paese ha mostrato di possedere”

Recovery Fund: può avere un impatto fino a 3 punti di Pil

Le stime dei benefici per l’economia italiana dalle risorse del Recovery Fund sono difficili da quantificare e “l’incertezza è molto elevata”. Ma “si può tuttavia affermare con ragionevole certezza che tali benefici potranno essere molto rilevanti per il nostro Paese”. Lo afferma la Banca d’Italia in audizione alla commissione bilancio della Camera.

La Banca centrale ha comunque simulato, con il suo modello econometrico, due scenari che prevedono, in quello più favorevole, un aumento cumulato del livello del Pil di circa 3 punti percentuali entro il 2025.

“Entrambi gli scenari - spiega Bankitalia - presuppongono che i fondi disponibili per l’Italia, che si assumono pari a 120 miliardi per i prestiti e a 87 per i trasferimenti, siano utilizzati pienamente e senza inefficienze, con una distribuzione della spesa uniforme nel quinquennio 2021-2025”.

La Banca d’Italia poi ammonisce che, in vista dell’arrivo di risorse del Recovery Fund, l’Italia è chiamata a “uno sforzo straordinario nell’attività di programmazione e una capacità di realizzazione che non sempre il Paese ha mostrato di possedere”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

quoted business

Bankitalia: “Incrementi di spesa e riduzioni di imposte non si traducono automaticamente in più Pil”

“Per il nostro paese inizia ora un percorso tutt’altro che agevole. Andranno delineati in tempi rapidi progetti di investimento e di riforma lungimiranti, concreti e dettagliati. Tali progetti andranno attuati senza ritardi e inefficienze. È la condizione per garantire l’effettivo accesso ai finanziamenti previsti dal Next Generation EU, per rilanciare la crescita e la produttività dell’economia italiana”. [continua ]

Economia
L’economia criminale ‘fattura’ 170 mld di euro l’anno

L’economia criminale ‘fattura’ 170 mld di euro l’anno

Economia
Pil 1,6%, investimenti 3, occupazione 73,2, R&S 2,1

Gli obiettivi del governo: Pil 1,6%, investimenti 3%, occupazione 73,2%, R&S 2,1%

Economia
L’Istat vede “segnali di ripresa”, ma Fitch taglia le stime sul Pil

L’Istat vede “segnali di ripresa”, ma Fitch taglia le stime sul Pil

Economia
Produttività del lavoro e investimenti: due punti deboli dell’economia

Produttività del lavoro e investimenti: due punti deboli dell’economia italiana

Economia

quoted business

De Micheli propone una ciclabile sullo Stretto di Messina

La ministra dei Trasporti e delle Infrastrutture Paola De Micheli è al centro di una polemica. A prenderla di mira è il fuoco amico. Tutto nasce da un tweet postato mercoledì sera dall’esponente dem del governo Conte: “Abbiamo istituito una commissione per capire qual è lo strumento migliore per collegare la Sicilia alla Calabria. Per collegarle su ferro, su strada e con una pista ciclabile. L’opera che verrà deve essere sicura ed economicamente sostenibile”. [continua ]

Economia

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com