“Rendiamo i biglietti per cinema, teatri e musei deducibili dalle tasse come i farmaci”

Per rilanciare un settore piegato dalla pandemia serve agire anche sul fronte della domanda, permettendo che si scarichino dalle imposte gli accessi ai luoghi della cultura con un sistema simile a quello della tessera sanitaria. L’appello della presidente della fondazione Maxxi

“Rendiamo i biglietti per cinema, teatri e musei deducibili dalle tasse”

Seguono alcuni passaggi della proposta lanciata nei giorni scorsi da Giovanna Melandri, presidente della Fondazione MAXXI

La mia proposta è curare l’Italia agendo anche sulla leva fiscale: rendendo deducibili, ai fini del calcolo d’imposta sul reddito delle persone fisiche, le spese di accesso (ticket, abbonamenti ecc.) ai tanti luoghi – teatri, cinema, auditorium, musei, istituzioni – dove si riceve, si produce, si scambia cultura. Proprio come facciamo per le nostre spese farmaceutiche. Lo stesso meccanismo diretto, la segnalazione all’Agenzia delle Entrate tramite tessera sanitaria, si può replicare per quel consumo sociale di arte, musica, parole, immagini che è da sempre uno speciale salva-vita e a maggior ragione varrà quando cominceremo a emergere dall’incubo Covid-19.

So bene che non è facile tracciare la linea. So bene quali resistenze il ministro della Cultura può incontrare nell’amministrazione fiscale. Ma ora ci sono le condizioni per un coraggioso salto quantico. Tra i lasciti di questa crisi non può mancare una consapevolezza “aumentata” sulla libertà, la bellezza e perfino la gioia che l’accesso a ogni forma artistica può offrire. 

Nella sala-macchine della ripartenza bisogna progettare già adesso il contrasto a tutte le povertà: quella economica certo ma anche quella educativa e culturale. La deducibilità fiscale delle spese culturali è leva imprescindibile di una moderna visione del welfare, flessibile e trasparente, in grado di fornire un “farmaco” antidepressivo capace di accendere immaginazione e desiderio e responsabilizzare chi la cultura produce sull’ impatto sociale che genera.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Mattarella: “Parità di genere ancora non raggiunta”. Conte: “È subcultura”

quoted business

Mattarella: “Parità di genere non ancora raggiunta”. Conte: “La violenza è subcultura”

Strategie & Regole

quoted business

Verso un nuovo ruolo per lo Stato?

Il governatore della Banca d’Italia: “Già prima della pandemia, lo Stato era molto presente in Italia, grazie al suo 45% di spesa pubblica sul totale del Pil. Fino al 1920 questa percentuale era contenuta entro il 10-20%”. Oggi, per Ignazio Visco, non abbiamo più uno Stato “produttore”, come ai tempi dell’Iri, ma regolatore. [continua ]

Economia
Fmi: “Il Pil salirà del 4,3% nel 2021 e del 4% nel 2022”

Fmi: “Il Pil dell’Italia salirà del 4,3% nel 2021 e del 4% nel 2022”

Economia
Il realismo di Draghi: “La ripresa c’è. Il timore è che non sia duratura”

quoted business

Il realismo di Draghi: “La ripresa c’è. Il timore è che non sia duratura”

Economia

Agi

I Benetton lasciano Autostrade, che tornano nelle mani dello Stato. Ma a quale prezzo?

L’assemblea di Atlantia dà l’ok alla vendita di Autostrade al consorzio capitanato da Cdp. Il cda della holding dei Benetton si riunirà il 10 giugno per assumere le determinazioni finali. [continua ]

Economia

Entro la fine del 2021 persi 1,3 milioni di occupati

La perdita di posti di lavoro per il complesso delle imprese italiane, tra dicembre 2019 e la fine del 2021, sarà pari all’8,2% del totale dei 16 milioni di addetti nelle imprese prima dell’emergenza. Nonostante le difficoltà sul fronte occupazionale, secondo laCongiuntura flash di Confindustria, il Pil italiano è tuttavia sulla “buona strada”. [continua ]

Economia

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com