Ecco la nuova bozza del Recovery Plan

Raddoppiano le risorse per la sanità. Il primo capitolo rimane quello della rivoluzione verde e transizione ecologica con 68,9 mld

Ecco la nuova bozza del Recovery Plan

Sale a 171 pagine la bozza di Recovery Plan inviata ai ministri in vista dell’esame in Cdm. Il Piano nazionale di rilancio e resilienza, a quanto si legge nel testo, si articola in 6 Missioni, che a loro volta raggruppano 16 Componenti funzionali a realizzare gli obiettivi economico-sociali definiti nella strategia del governo. Le Componenti si articolano in 47 Linee di intervento per progetti omogenei e coerenti.

Le risorse previste dal piano per il rilancio e la resilienza ammontano a 222 miliardi di cui 144,2 per nuovi interventi. Ma la cifra indicata in fondo alle tabelle delle risorse mobilitate arriva a quota 310 mld considerando anche la programmazione di bilancio per il quinquennio 2021-26.

Il piano Nazionale di Ripresa e Resilienza messo a punto dal governo prevede per il settore sanitario quasi 20 mld di risorse, mentre il primo capitolo rimane quello della rivoluzione verde e transizione ecologica con 68,9 miliardi. Sono, inoltre, previsti 46,18 mld per la digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura; 31,98 mld per le infrastrutture per una mobilità sostenibile; 28,46 mld per l'istruzione e la ricerca; 21,28 mld per l'inclusione e la coesione. In totale 222,9 mld.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com