Arcelor Mittal, l’unica soluzione è liberare Taranto dalla fabbrica che continua a uccidere

Anche una eventuale trasformazione dell’impianto in versione ‘green’ non offre una vera via d’uscita. Non ha senso mantenere una fabbrica di quelle dimensioni all’interno della città pugliese. La soluzione è ridurre al minimo l’impatto ambientale e ricostruire l’impianto all’esterno del perimetro urbano.

Arcelor, l’unica soluzione è liberare Taranto dalla fabbrica che uccide
Taranto

È stata respinta la richiesta di sospensiva presentata da ArcelorMittal al presidente della Quarta Sezione del Consiglio di Stato, Luigi Maruotti, contro la sentenza del Tar di Lecce che impone all'azienda di ottemperare all'ordinanza del sindaco di Taranto Rinaldo Melucci e di spegnere gli impianti dell'area a caldo entro il 14 aprile. Secondo il presidente di sezione, "non risulta e non è stata comprovata la circostanza che, in assenza di immediate misure cautelari, per l'appellante si produrrebbe uno specifico pregiudizio irreparabile, prima della data dell'11 marzo 2021", quando si riunirà l'organo collegiale.

L’annosa questione dell’ex Ilva a Taranto rimane comunque, a prescindere dagli esiti giudiziari della diatriba. Resta sul terreno la scelta politica, della politica. Anche una eventuale trasformazione dell’impianto in versione ‘green’, infatti, non offre una concreta soluzione. Semplicemente, non ha (più) senso mantenere una fabbrica metalmeccanica di quelle dimensioni all’interno della città pugliese o di qualunque altro centro urbano. La soluzione è ridurre al minimo l’impatto ambientale e ricostruire l’impianto all’esterno del perimetro urbano, preservando i posti di lavoro.

Nel frattempo l’impianto continua a uccidere nella città. E continuerà a farlo per molti anni, vista l’inesorabile lentezza nella progressione delle malattie causate dai fumi e dalle polveri altamente inquinanti, anche se i forni fossero spenti subito.

Il circolo vizioso del ‘meglio morire lavorando piuttosto che di fame” va spezzato. Una volta per tutte.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com