Italia, in 16 anni abbattuto solo il 32,9% degli abusi edilizi

La Puglia è fanalino di coda e insieme con Campania, Sicilia e Calabria tocca un triste primato; su 14.485 ordinanze di demolizione ne sono state eseguite appena 2.517, pari al 17,4%. Legambiente: “Sono numeri nel complesso preoccupanti che dimostrano come in Italia l’abusivismo e il cemento illegale siano ancora una piaga da sanare”.

In 16 anni abbattuto solo il 32,9% degli abusi edilizi

In Italia dal 2004 al 2020 è stato abbattuto solo il 32,9% degli immobili colpiti da ordinanza di demolizione con il Sud Italia, in cui il fenomeno è più grave e diffuso, dove le ruspe sono rimaste quasi ferme e il Nord dove invece hanno lavorato con maggior lena.

Lo afferma Legambiente nella seconda edizione del dossier ‘Abbatti l’Abuso’ sulle mancate demolizioni edilizie nei comuni italiani - sulla base delle risposte complete date da 1.819 comuni su 7.909 ad un questionario sottoposto dalla ong - precisando che la Puglia è fanalino di coda e insieme con Campania, Sicilia e Calabria raggiunge un triste primato: su 14.485 ordinanze di demolizione ne sono state eseguite appena 2.517, pari al 17,4%.

Bene Veneto e Friuli Venezia Giulia che, nella classifica per numero di ordinanze di demolizioni eseguite, superano entrambe il 60%, seguite da Valle d’Aosta (56,3%), Provincia autonoma di Bolzano (47%), e Lombardia (44,2%).

“Sono numeri nel complesso preoccupanti che dimostrano come in Italia l’abusivismo e il cemento illegale siano ancora una piaga da sanare. Procedere con gli abbattimenti - spiega Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente - è il migliore deterrente perché si scongiuri il sorgere di nuovi abusi.”

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Invecchiamento, il presidente dell’Istat: “Fra 20 anni sarà il delirio”

Crescono le famiglie con soggetti soli anziani. Il presidente dell’Istat: “Fra 20 anni sarà il delirio”

Economia

Brunetta: “La crisi non c’è. È solo psicologica. No al salario minimo. Tornare alla scala mobile è una stupidaggine”

Il ministro della Pubblica amministrazione: “Nel primo trimestre abbiamo avuto +0,1%, vuol dire 2,6% per tutto l’anno se non ci saranno negatività negli altri trimestri”. [continua ]

Economia

Cingolani: “Siamo già in recessione. In tema di energia serve un’alleanza globale sulla fusione nucleare come per il vaccino”

Il ministro al Festival dell’Economia di Torino insieme al premio Nobel Spence: “Stiamo rallentando sulla transizione ecologica”. [continua ]

Economia
Frase del giorno - Parole
quoted business

Ieri, con la pandemia, ed oggi con questa feroce guerra, abbiamo scoperto quanto ancora dipendiamo dai combustibili fossili. Bisogna ripensare agli investimenti ESG con serietà.

Economia

Se la guerra in Ucraina arriva a giugno, per l’Italia sarà stagflazione

L’Ufficio Parlamentare di Bilancio: “La maggiore durata del conflitto comporterebbe un’ulteriore riduzione del Pil con trascinamenti sul prossimo anno”. [continua ]

Economia
Draghi: “Preferite la pace o il condizionatore acceso?”

Draghi: “Preferite la pace o il condizionatore acceso? Questa è la domanda che ci dobbiamo porre”

Economia

Indicatori

Crediti deteriorati

L'andamento dei crediti deteriorati dal 2005 al 2020 in Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna in rapporto al totale dei crediti erogati

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com