Liguria, tunnel colabrodo: fuorilegge il 75%

Indagine della Procura di Genova. Il fascicolo sulle gallerie, in mano al primo gruppo della Guardia di finanza, è stato riunito insieme a quello sulle barriere fonoassorbenti pericolose e a quello sui falsi report sui viadotti.

Liguria, tunnel colabrodo: fuorilegge il 75%

“Fino al 2020 il 75% dei tunnel liguri era fuorilegge”. Così il pool di esperti nominati dalla procura di Genova nella nuova consulenza chiesta dai pm Walter Cotugno e Stefano Puppo nell’ambito dell’inchiesta sul crollo della galleria Bertè in A26 nel dicembre 2019.

I tecnici, in precedenza, avevano già stabilito che la Bertè aveva “gravissimi ammaloramenti” in un contesto di “inadeguati monitoraggi” negli anni.

Sono 21 gli indagati nell’inchiesta sulle gallerie, a vario titolo, per crollo colposo, falso, attentato alla sicurezza dei trasporti e inadempimento di contratti di pubbliche forniture.

Il fascicolo sulle gallerie, in mano al primo gruppo della Guardia di finanza, è stato riunito insieme a quello sulle barriere fonoassorbenti pericolose e a quello sui falsi report sui viadotti.

In tutti e tre risultano iscritti, tra gli altri, l’ex ad Giovanni Castellucci e i due ex dirigenti Paolo Berti e Michele Donferri Mitelli. Erano stati i giudici del Riesame a sottolineare come “gli indagati hanno compiuto azioni e omissioni relative praticamente a tutti i tipi e gli oggetti di manutenzione e adeguamento nell’ambito della gestione delle autostrade”.

Nel corso delle indagini dopo il crollo del ponte Morandi, i tecnici di Spea avevano svelato che i controlli in galleria avvenivano (incredibilmente) in macchina a 60 km/h e al buio.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Tunnel o ponte? Legambiente: “Resta comunque una cattedrale nel deserto”

“Il governo Conte punta sul tunnel mentre i governi Berlusconi puntavano sul ponte ma (per quanto riguarda lo Stretto di Messina, ndr) nulla cambia: il problema è sempre uguale. Una volta che arrivi a Messina o a Reggio Calabria ti muovi nello stesso paese che c’era tra gli anni ‘60 e ‘70. Questo Paese, più che di parole, ha bisogno di grande concretezza. È un Paese che non vuole più essere preso per i fondelli”. [continua ]

Economia
Stretto di Messina, Conte: “Penso a un tunnel sottomarino”
quoted business

Stretto di Messina, Conte: “Penso a un tunnel sottomarino”

Economia
Invecchiamento, il presidente dell’Istat: “Fra 20 anni sarà il delirio”

Crescono le famiglie con soggetti soli anziani. Il presidente dell’Istat: “Fra 20 anni sarà il delirio”

Economia

Brunetta: “La crisi non c’è. È solo psicologica. No al salario minimo. Tornare alla scala mobile è una stupidaggine”

Il ministro della Pubblica amministrazione: “Nel primo trimestre abbiamo avuto +0,1%, vuol dire 2,6% per tutto l’anno se non ci saranno negatività negli altri trimestri”. [continua ]

Economia

Cingolani: “Siamo già in recessione. In tema di energia serve un’alleanza globale sulla fusione nucleare come per il vaccino”

Il ministro al Festival dell’Economia di Torino insieme al premio Nobel Spence: “Stiamo rallentando sulla transizione ecologica”. [continua ]

Economia
Frase del giorno - Parole
quoted business

Ieri, con la pandemia, ed oggi con questa feroce guerra, abbiamo scoperto quanto ancora dipendiamo dai combustibili fossili. Bisogna ripensare agli investimenti ESG con serietà.

Economia

Indicatori

Crediti deteriorati

L'andamento dei crediti deteriorati dal 2005 al 2020 in Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna in rapporto al totale dei crediti erogati

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com