La Bank of China ha realizzato il suo primo investimento diretto in yuan in Argentina

Un piccolo passo in più per Pechino per allargare la sua influenza economico-finanziaria

Argentina, la Bank of China ha realizzato il suo primo investimento diretto

La Bank of China ha realizzato il suo primo investimento diretto in yuan in Argentina. In questo modo la valuta cinese entra come asset nel Paese sudamericano. L’operazione, riferisce l'agenzia di stampa Telam, riguarda l’azienda cinese Brunp Recycling, colosso della produzione di batterie al litio appena sbarcato nella provincia di Salta.

Brunp Recycling è così diventata la prima azienda a immettere una somma nell’economia locale, sebbene con un carattere quasi simbolico, appena 428.736 yuan (circa 54.000 euro); l’investimento che sarà utilizzato per coprire i costi operativi giornalieri della sua nuova filiale.

“Si tratta - sottolinea la compagnia in un comunicato - di una pietra miliare per le relazioni tra i due Paesi, poiché dà un maggiore impulso ai potenziali investimenti cinesi in Argentina e aiuta a continuare a rafforzare il mercato locale dello yuan”.

Da quando ha aperto le sue porte a Buenos Aires, la Bank of China ha mirato ad attrarre investimenti e partner commerciali dalla Cina nel mercato locale, e ha collaborato a stimolare e consolidare il mercato dello yuan in Argentina. Questo istituto ha, fra l’altro, supervisionato nel 2022 l’apertura dei primi conti in valuta cinese nel Paese.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Nel 2023 investimenti record delle aziende tedesche

Investimenti record delle aziende tedesche in Cina: 12 miliardi nel 2023

Economia

La Cina pagherà in rubli e yuan il gas russo

Il Paese più popoloso al mondo, che ha progettato una totale disintermediazione dalla fornitura energetica Usa, si sta preparando a rompere gli equilibri globali delle materie prime. Ad oggi Pechino detiene il 93% delle scorte mondiali di rame, il 74% di quelle di alluminio, il 68% di quelle di mais e il 51% di quelle di frumento. Ma la partita decisiva è quella sulle valute. Il ruolo chiave dell’Arabia Saudita. [continua ]

Economia
Cina, India e Russia crescono a una media superiore al 4%

Cina, India e Russia crescono in media più del 4%. Le economie avanzate meno del 2%

Economia
Cosa sta succedendo ai trentennali rapporti tra Cina e Africa?

Cosa sta succedendo ai trentennali rapporti tra Cina e Africa?

Economia

Le difficoltà della Germania sono quelle dell’Ue che non sa quale strada intraprendere (tra Cina e Usa)

Districarsi nella crisi tedesca non è facile. Al centro va messa la questione dell’auto, industria peraltro legata alle componentistica italiana. Di sicuro la crisi è europea, riguarda la guerra in Ucraina, ma anche l’incapacità dimostrata finora dall’Europa di capire quale direzione prendere. [continua ]

Economia

L’economia globale frena. La Cina rallenta. Germania in recessione. L’eccezione degli Usa

Nel contesto di una generale frenata dell’economia globale, con Cina ed Eurozona a rappresentare gli anelli deboli, il Fondo Monetario Internazionale taglia le stime del Pil italiano: +0,7 per cento nel 2023. [continua ]

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com