Disillusione del libero scambio, i progetti infrastrutturali non favoriscono i paesi in via di sviluppo

Secondo l'Unctad, gli investimenti nelle grandi opere non necessariamente aiutano i paesi in via di sviluppo a intraprendere un percorso di crescita sostenibile

Analisi shock, i progetti infrastrutturali non aiutano i paesi poveri

Gli investimenti infrastrutturali non necessariamente aiutano i paesi in via di sviluppo a trasformare le loro economie e a intraprendere un percorso di crescita sostenibile. Ad affermarlo è un’importante agenzia Onu, l’Unctad, che nell’ultimo rapporto parla di “disillusione del libero scambio”.

Anche se i progetti infrastrutturali sono tornati all'ordine del giorno in molti paesi poveri, grazie a istituzioni finanziarie multilaterali come la Banca asiatica d’investimento che accrescono gli investimenti e a faraoniche iniziative globali come la Nuova via della seta cinese, lo studio sostiene che tali sforzi potrebbero non servire a promuovere l’industrializzazione e la trasformazione strutturale tanto necessarie negli Stati dove i progetti sono attuati.

Un’analisi condotta dall’Unctad su oltre 40 progetti esamina l’entità di questo scollamento e suggerisce che vi è troppa enfasi sulle infrastrutture come opportunità di business e, invece, poca attenzione agli effetti sulle società locali. Nonostante la spesa per le infrastrutture evochi immagini di beni pubblici rilevanti come autostrade, porti e scuole, l’attenzione è troppo concentrata sul ruolo del capitale privato e su un’ingegneria finanziaria spesso poco trasparente. 

Intendiamoci di infrastrutture c’è bisogno e come. Ma nella maggior parte dei paesi in via di sviluppo sarebbe auspicabile raddoppiare gli attuali livelli di investimento sulle grandi opere, da meno dell'attuale media del 3% del Pil al 6%, affinché abbiano un’effettiva ricaduta nei paesi dove vengono attuati.

Il rapporto sollecita un approccio dal basso e più trasparente in merito alle scelte sugli investimenti infrastrutturali, per fare in modo che tali progetti siano posti al centro delle strategie nazionali di sviluppo. L'analisi adotta la visione di crescita sbilanciata proposta dall’economista Albert O. Hirschman e mostra come una progettualità sequenziale, insieme alla ricerca del giusto equilibrio tra infrastrutture pubbliche e investimenti privati, possa contribuire a spezzare i circoli viziosi che attanagliano molti paesi.

Secondo l'Unctad, i responsabili politici debbono porre maggiore enfasi sulla pianificazione, inserendo i progetti in una più ampia strategia di sviluppo che riconosca e promuova attivamente il circolo virtuoso tra infrastrutture, produttività e crescita. Questo approccio permetterebbe di andare oltre la sola costruzione di ponti, rendendo quei ponti all’altezza delle ambizioni dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La fame usata come un’arma. Ogni minuto 11 persone rischiano di morire di malnutrizione

Cresciuto di 6 volte il numero di persone sull’orlo della carestia nell’ultimo anno. In 155 mln vivono una condizione di insicurezza alimentare, 20 mln in più rispetto al 2020. La prima causa è la guerra che, sommata alle crisi economica e climatica, sta lasciando senza cibo 100 mln di persone in 23 paesi. Mentre aumenta di 51 miliardi di dollari la spesa militare globale nell’ultimo anno, 6 volte quanto basterebbe a finanziare la risposta umanitaria in tutto il mondo. [continua ]

Economia
Agnoletto: “Economia, clima, salute: la storia ci ha dato ragione”

quoted business

Vittorio Agnoletto: “Economia, clima, salute: purtroppo la storia ci ha dato ragione”

Economia

V o K? La ripresa dell’economia potrebbe avere la forma di una radice quadrata

Il difficile equilibrio tra inflazione e crescita. All’uscita dalla pandemia sono due le questioni all’ordine del giorno: le spinte inflazionistiche degli ultimi mesi saranno transitorie? La forte ripresa che si profila sarà sostenibile e duratura? [continua ]

Economia
Amazon è il simbolo dello spreco. Ed è solo la punta dell’iceberg

Amazon è il simbolo dello spreco. Ed è solo la punta dell’iceberg

Economia
L’economia è una scienza?

L’economia è una scienza? Come la fisica o la chimica?

Economia
Kelton: “L’economia dominante ha fallito. Il debito non è un problema”

Kelton: “L’economia dominante ha fallito. Il debito pubblico non è un problema”

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com