La guerra trasforma l’Ucraina da paese povero a poverissimo. Il Pil 2022 a -35%

La crescita economica della Russia diminuirà del -8,5% quest’anno, secondo l’Fmi. Scendono anche le previsioni sul Pil globale: da +4,4% a +3,6%. L’Italia, che accusa la dipendenza energetica da Mosca, crolla dal 3,8% al 2,3%. La crisi avviene in un momento in cui l’economia globale non si è ancora pienamente ripresa dalla pandemia. Anche per questo motivo tutte le stime sono soggette a ulteriori modifiche.

La guerra trasforma l’Ucraina da paese povero a poverissimo

Il Fondo monetario internazionale prevede “un’ampia contrazione” economica per Russia e Ucraina nel 2022. “Il duro crollo in Ucraina è il risultato diretto dell’invasione, della distruzione delle infrastrutture, dell’esodo della popolazione. In Russia, l’acuto declino riflette l’impatto delle sanzioni. Gli effettivi economici della guerra si stanno diffondendo come onde sismiche”, dato che la Russia “è uno dei maggiori fornitori di petrolio, gas e metalli e, insieme all’Ucraina, di grano e mais: l’attuale calo dell’offerta di queste commodities ha già provocato forti rialzi dei prezzi”, si legge nell’ultimo aggiornamento del World Economic Outlook dell’Fmi.

Le previsioni del Fondo indicano una riduzione del Pil della Russia di circa l’8,5% nel 2022 e di un ulteriore calo del 2,3% nel 2023. Per l’Ucraina – il paese era già il più povero a livello europeo prima del conflitto - “anche se una misura precisa dei danni alla sua economia è impossibile da ottenere, la guerra causerà una contrazione molto dura. Per il 2022, l’economia ucraina è attesa in contrazione del 35%. E anche se la guerra dovesse terminare presto, la perdita di vite, la distruzione e l’esodo della popolazione ostacolerà duramente l’attività economica per molti anni”.

Economia globale

Peggiorano, al contempo, le previsioni sull’economia mondiale, a causa soprattutto dell’aggressione russa in Ucraina. L’Fmi prevede ora una crescita del 3,6% nel 2022 e nel 2023; a gennaio, erano state previste una crescita rispettivamente del 4,4% e del 3,8%. Andando ancora più a ritroso, a luglio e ottobre 2021, per il 2022 era stato previsto un +4,9%.

“Questa crisi avviene in un momento in cui l’economia globale non si è ancora pienamente ripresa dalla pandemia. Anche prima della guerra, l’inflazione in molti Paesi era aumentata a causa degli squilibri tra domanda e offerta e per le politiche di sostegno durante la pandemia, portando a una stretta della politica monetaria. Gli ultimi lockdown in Cina potrebbero provocare nuovi colli di bottiglia nelle catene globali di approvvigionamento. In questo contesto, oltre l’immediato e tragico impatto umanitario, la guerra rallenterà la crescita economica e farà aumentare l’inflazione. I rischi economici complessivi sono aumentati enormemente”, si legge nel rapporto.

Per le economie avanzate, previsti un +3,3% nel 2022 e un 2,4% nel 2023; nel precedente aggiornamento del rapporto, previsti rispettivamente un +3,9% e un +2,6%. Per i mercati emergenti e le economie in via di sviluppo, +3,8% nel 2022 e +4,4% nel 2023, a fronte dei precedenti +4,8% e +4,7%.

Italia

Il Fondo ha rivisto al ribasso anche le previsioni per il Pil italiano nel 2022, dal 3,8% di tre mesi fa al 2,3%; la previsione di crescita per il 2023 è stata rivista dal 2,2% all’1,7%.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

1/3 dell’economia globale in recessione nel 2023. E l’Fmi boccia il price cap sui beni energetici

Il Fondo monetario internazionale rivede al ribasso per la terza volta la stima sul Pil 2022. Pandemia, inflazione, tassi e guerra bruciano 4mila miliardi di dollari di crescita potenziale, ovvero il Pil della Germania. L’Fmi stronca il price cap: “Sappiamo che il controllo dei prezzi per un lungo periodo di tempo non è conveniente e neppure efficace”. [continua ]

Economia
Istruzione bistrattata. Eppure è uno dei motori della crescita economica

Istruzione bistrattata. Eppure è uno dei motori della crescita economica

Jobs & Skills

La domanda che dovremmo porci non è a quanta crescita economica puntare, ma a che tipo

Sebbene sia importante, il Pil in astratto non dovrebbe costituire l’obiettivo ultimo dei governi nazionali. E la crescita trainata dagli investimenti e i diritti dei lavoratori, ovvero i veri creatori di valore, non dovrebbero essere considerati priorità concorrenti. Dopo tutto, a cosa serve un tasso di crescita elevato se per raggiungerlo sono necessarie cattive condizioni di lavoro o un’industria dei combustibili fossili in espansione? [continua ]

Economia
Frase del giorno - Numeri

Tra i paesi Ocse, quelli messi peggio dal punto di vista della fecondità sono: Corea del Sud (0,7 figli per donna), Italia e Spagna con 1,2.

Economia
Pil globale. Il G7 vale il 43% e il gruppo BRICS il 29%

Pil globale. Il G7 vale il 43% e il gruppo BRICS il 29%

Economia
Dazi a senso unico

Dazi a senso unico

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com