La Cina vende i titoli di Stato Usa: 113 miliardi di dollari in 7 mesi

Ora Pechino detiene ‘solo’ 968 miliardi di debito pubblico statunitense. E i big statali cinesi lasciano Wall Street. Addio a 370 miliardi

La Cina vende i titoli di Stato Usa: 113 miliardi di dollari in 7 mesi

A maggio era stata superata al ribasso la soglia psicologica dei 1.000 miliardi di dollari. Si tratta dell’ammontare dei titoli di Stato americani detenuti dalla Cina. Poche settimane dopo, a giugno, è arrivata la conferma. Secondo l’ultimo dato del Dipartimento del Tesoro statunitense, riferito appunto al mese di giugno, la somma di Treasury nelle mani cinesi si è assestata a 967,8 mld. Si tratta di una diminuzione dell’esposizione non da poco. Basti pensare che nel 2015, ad esempio, la Cina deteneva circa 1.500 miliardi di debito americano.

La frattura tra le prime due economie al mondo si riflette anche in altri ambiti. I big statali cinesi lasciano Wall Street. La fuga delle società cinesi dai listini è partita il 12 agosto. I colossi China Life Insurance, PetroChina, China Petroleum & Chemical, Aluminium of China e Sinopec Shanghai Petrochemical, che in pratica insieme sommano 370 miliardi di dollari di capitalizzazione di Borsa, hanno annunciato che abbandoneranno la piazza di New York.

L’uscita di scena è anche collegata al fatto che il Congresso statunitense ha stabilito che entro il 2024 si deve arrivare al delisting delle società che non rispettano i requisiti di trasparenza. Ma, in realtà, dietro l’accelerazione cinese ci sono le tensioni con Washington per Taiwan.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Economia industriale, gli Stati Uniti temono il sorpasso della Cina
quoted business

Economia industriale, gli Stati Uniti temono il sorpasso della Cina

Economia
Usa e Cina trainano la ripresa globale

Stati Uniti e Cina trainano la ripresa globale

Economia
L’industria del cemento è il terzo ‘paese’ al mondo per emissioni

Se l’industria del cemento fosse un paese sarebbe il terzo al mondo per emissioni, dopo Cina e Stati Uniti

Innovazione

La Cina pagherà in rubli e yuan il gas russo

Il Paese più popoloso al mondo, che ha progettato una totale disintermediazione dalla fornitura energetica Usa, si sta preparando a rompere gli equilibri globali delle materie prime. Ad oggi Pechino detiene il 93% delle scorte mondiali di rame, il 74% di quelle di alluminio, il 68% di quelle di mais e il 51% di quelle di frumento. Ma la partita decisiva è quella sulle valute. Il ruolo chiave dell’Arabia Saudita. [continua ]

Economia
quoted business

Dal 2001 il Pil reale della Cina è cresciuto del 980%

Vent’anni di Brics: chi vince e chi perde. Ecco come sono cambiati Brasile, Russia, India e Cina (più il Sudafrica) dai tempi in cui Jim O’Neill coniò una sigla destinata a entrare nella storia. Ma, nonostante il lento e inesorabile declino economico statunitense nel mondo, il sistema monetario basato sul dollaro resta dominante. [continua ]

Economia
Usa-Cina

Nel 2020 il Pil procapite è stato pari a 63mila $ negli Usa. La Cina si è fermata a 10mila. L’Italia a 32mila.

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com