Eurozona in recessione già nel 2022

Fitch ha rivisto al ribasso al 2,4% il dato sul Pil mondiale nel 2022 e all'1,7% nel 2023. In Italia il dato scende al -0,7% l’anno prossimo e anche se l’80% delle importazioni di gas russo fosse ripristinato, “la fornitura totale di gas diminuirebbe del 5-10%, con un effetto diretto sul settore produttivo”

Eurozona in recessione già nel 2022

Si addensano nubi sull’economia globale. Fitch taglia le stime della crescita mondiale per il 2022 e 2023. L’agenzia di rating prevede una crescita del Pil mondiale del 2,4% nel 2022 e dell’1,7% nel 2023. L’economia dell’Eurozona, che dovrebbe entrare in recessione nel corso dell’anno, si contrarrà dello 0,1% nel 2023, con un calo di 2,2 punti percentuali rispetto a giugno, a causa dell’impatto della crisi del gas.

A scendere sono anche le prime due economie al mondo. Per gli Stati Uniti l’agenzia stima ora una crescita dell’1,7% nel 2022 e dello 0,5% nel 2023, rivendendo al ribasso, rispettivamente di 1,2 punti percentuali e di un punto percentuale le precedenti stime. La ripresa della Cina è limitata dalle restrizioni imposte dalla pandemia Covid e da un prolungato crollo immobiliare: la previsione è una crescita del 2,8% quest’anno e una ripresa del 4,5% l’anno prossimo.

Il Pil italiano dovrebbe contrarsi dello 0,7% nel 2023 e sono state “abbassate le aspettative di crescita per il 2022 a causa dello shock energetico”. L’Italia è uno degli Stati dell’Ue più dipendenti dal gas in termini di mix energetico, con l’oro blu che alimenta il 50% della produzione di elettricità rispetto al 20% dell’Ue. La Russia ha fornito il 40% delle importazioni di gas nel 2021. Anche se l’80% delle importazioni di gas russo fosse ripristinato – evidenzia l’agenzia -, “la fornitura totale di gas diminuirebbe del 5-10%, con un effetto diretto sul settore produttivo”.

In sintesi – conclude Fitch -, “negli ultimi mesi si è verificata una sorta di tempesta perfetta per l’economia globale, con la crisi del gas in Europa, la forte accelerazione dei rialzi dei tassi di interesse e l’aggravarsi del crollo immobiliare in Cina”, ha dichiarato il capo economista Brian Coulton.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

1/3 dell’economia globale in recessione nel 2023. E l’Fmi boccia il price cap sui beni energetici

Il Fondo monetario internazionale rivede al ribasso per la terza volta la stima sul Pil 2022. Pandemia, inflazione, tassi e guerra bruciano 4mila miliardi di dollari di crescita potenziale, ovvero il Pil della Germania. L’Fmi stronca il price cap: “Sappiamo che il controllo dei prezzi per un lungo periodo di tempo non è conveniente e neppure efficace”. [continua ]

Economia
quoted business

Dal 2001 il Pil reale della Cina è cresciuto del 980%

Vent’anni di Brics: chi vince e chi perde. Ecco come sono cambiati Brasile, Russia, India e Cina (più il Sudafrica) dai tempi in cui Jim O’Neill coniò una sigla destinata a entrare nella storia. Ma, nonostante il lento e inesorabile declino economico statunitense nel mondo, il sistema monetario basato sul dollaro resta dominante. [continua ]

Economia
In recessione anche i Paesi emergenti
quoted business

Il Pil pro capite diminuirà in oltre il 90% dei Paesi. In recessione anche le economie emergenti

Economia

Tra le prime 10 economie al mondo solo 2 non hanno ancora recuperato i livelli di Pil del 2008 (prima della crisi globale scatenata dal fallimento di Lehman Brothers)

Mentre in molti si sono prima esaltati per la forte ripresa (in termini percentuali) delle economie di mezzo mondo dopo la fase acuta del Covid e poi depressi analizzando l’impatto globale dell’invasione russa dell’Ucraina, in pochi ricordano che alcuni paesi non si sono ancora ripresi dalla crisi del 2008. Il che ci fornisce una lezione da non sottovalutare [continua ]

Economia
Le economie più ricche per Pil pro-capite. Sul podio Usa, Germania e Canada

Le economie più ricche al mondo per Pil pro-capite. Sul podio salgono Usa, Germania e Canada

Economia
Usa-Cina

Nel 2020 il Pil procapite è stato pari a 63mila $ negli Usa. La Cina si è fermata a 10mila. L’Italia a 32mila.

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com