La povertà nel mondo ha ripreso a crescere

Oggi più del 9 per cento della popolazione mondiale, cioè 700 milioni di persone, vive con meno di 2,15 dollari al giorno.

Banca Mondiale

Visto da qb

La povertà nel mondo ha ripreso a crescere

Secondo uno studio della Banca mondiale, per la prima volta negli ultimi trent’anni è aumentato il numero di persone che vivono in condizioni d’indigenza assoluta. Una delle più grandi conquiste dell’umanità è così sfumata nell’indifferenza generale. Se in poco più di tre decenni quasi un miliardo di persone era sfuggito alla povertà più estrema, la pandemia di Covid-19 ha provocato un’inversione di tendenza. È quanto si ricava dal rapporto Poverty and shared prosperity, pubblicato dalla World Bank. Nel 2020 settanta milioni di persone sono finite in condizioni di povertà estrema, il più grande aumento da quando il dato è misurato a livello globale. Oggi più del 9% della popolazione mondiale, cioè 700 milioni di persone, vive con meno di 2,15 dollari al giorno (il nuovo valore stabilito dalla Banca mondiale come soglia della povertà estrema, invece di 1,90 dollari).

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Visco: “Oltre 100 mln di persone torneranno in stato di povertà estrema”
quoted business

Visco: “A livello globale oltre 100 milioni di persone torneranno in stato di povertà estrema”

Economia
Contenere il climate change è compatibile con la riduzione della povertà?

Il contenimento del cambiamento climatico è compatibile con la riduzione della povertà?

Economia

Il vero problema dell’economia cinese e del resto del mondo

Se i risparmi rimanessero al livello attuale (oltre il 40 per cento del Pil), ma gli investimenti scendessero al 30 per cento del Pil, la Cina dovrebbe mantenere un avanzo delle partite correnti di 10 punti percentuali del Pil per mantenere l’economia in equilibrio. Tradotto in termini assoluti, si parla di quasi 2 trilioni. Una cifra abbastanza grande da influenzare il saldo globale risparmio/investimenti [continua ]

Economia

Gli Usa tornano a crescere, la Cina diventa un rischio globale, l’Italia frena

Sono gli Stati Uniti la maggiore sorpresa nelle nuove previsioni Ocse: la prima economia al mondo sembra resistere alla stretta monetaria imposta dalla Fed per raffreddare l’inflazione. Il segretario generale dell’Ocse Matthias Cormann: “L’inflazione risulta più forte di quanto previsto il che richiede politiche monetarie restrittive”. [continua ]

Economia
Argentina, la Bank of China ha realizzato il suo primo investimento diretto

La Bank of China ha realizzato il suo primo investimento diretto in yuan in Argentina

Economia

La domanda che dovremmo porci non è a quanta crescita economica puntare, ma a che tipo

Sebbene sia importante, il Pil in astratto non dovrebbe costituire l’obiettivo ultimo dei governi nazionali. E la crescita trainata dagli investimenti e i diritti dei lavoratori, ovvero i veri creatori di valore, non dovrebbero essere considerati priorità concorrenti. Dopo tutto, a cosa serve un tasso di crescita elevato se per raggiungerlo sono necessarie cattive condizioni di lavoro o un’industria dei combustibili fossili in espansione? [continua ]

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com