Una vittoria ai Mondiali di calcio potrebbe aiutare Macron ma solo per poco

Nonostante l'euforia per la finale, secondo un sondaggio Ipsos, il 70% dei francesi pensa che il paese sia in declino. E la fiducia nel presidente si è ridotta di 10 punti rispetto all'anno scorso, scendendo al 34%

Una vittoria ai Mondiali di calcio potrebbe aiutare Macron ma solo per poco
Emmanuel Macron

I francesi sono inclini al pessimismo, ma l'elezione di Emmanuel Macron come presidente un anno fa sembra aver portato un ulteriore alone di incertezza sul futuro del paese.

Un paese, percepito, in declino

Nonostante l’euforia per la finale dei Mondiali di calcio, secondo un sondaggio Ipsos, il 70% dei francesi pensa che la Francia sia in declino. È lo stesso livello di un anno fa, ma con una differenza sostanziale: la quota che ritiene la perdita di competitività irreversibile è passata dal 20 al 24%. Nel 2017 il 53% pensava che il futuro della Francia fosse pieno di opportunità, mentre quest’anno la percentuale è scesa del 9%. E, parallelamente, la fiducia nel presidente francese si è ridotta di 10 punti, calando al 34%.

Abbandonato come Hollande

I francesi hanno eletto un leader pro-globalizzazione e hanno respinto la xenofobia di Marine Le Pen. Ma è stato scelto più per la sua immagine, non per le sue idee e più della metà degli elettori vede ancora la globalizzazione come una minaccia piuttosto che un'opportunità. I francesi sembrano aver abbandonato Macron in questa fase come avevano fatto con il predecessore Francois Hollande.

Strada in salita per Macron

I prossimi mesi saranno ancora più complicati per il suo partito, La Republique En Marche. Sebbene l'opinione pubblica sia a favore del taglio della spesa pubblica, nessuno è d'accordo su dove applicare le sforbiciate, che sono necessarie per raggiungere i dichiarati obiettivi di bilancio. Inoltre, Macron ha promesso di riformare il welfare, tanto caro ai francesi, che lo difenderanno. Non sarà una riforma relativamente facile come quella della Sncf, in fondo approvata dai cittadini. Se persino i partiti di centro-destra non hanno avuto il coraggio di mettere le mani sul welfare un motivo ci sarà. E quel motivo si chiama stato sociale che, seppur bistrattato, resta probabilmente il più importante elemento di distinzione dell’Europa dal resto del mondo.

Gol personali

Certo, i francesi sono distratti dai Mondiali di calcio. Ma, indipendentemente da come andrà, Macron avrà comunque bisogno di segnare qualche gol personale. E nella porta corretta. Altrimenti, oltre ad aver dovuto rivedere radicalmente i suoi piani verso gli Stati Uniti d'Europa ed esser stato "rimandato" da Angela Merkel, il presidente rischierebbe qualcosa di più, una bocciatura senza appello, dai francesi.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La spirale prezzi-salari è un rischio da non sopravvalutare

Inflazione, la spirale prezzi-salari è un rischio da non sopravvalutare (in questo caso)

Moneta & Mercati
quoted business

Giustizia, non sono queste le riforme che il paese (e forse l’Ue) si aspetta da Draghi

Via libera a fatica alla riforma Cartabia che, tuttavia, anziché provare a risolvere le cause del problema le aggira. E si rischia un'ecatombe: un processo di Appello dura in media in Italia 759 giorni, 29 in più del limite dei due anni entro il quale la norma passata in Cdm vuole far morire i procedimenti. [continua ]

Strategie & Regole

L’Ue si dà la zappa sui piedi e finisce nel ‘cul de sac’ dei fertilizzanti chimici

Il blocco all’export dei fertilizzanti sancito dalle sanzioni occidentali e consolidato dai provvedimenti moscoviti danneggia l’agricoltura europea e non può che portare al sensibile calo della produzione agricola a livello mondiale. Anche in paesi remoti e molto poveri. E quando l’export ripartirà potrebbe essere dirottato da Putin verso i “paesi non ostili”. [continua ]

Economia

Ray Dalio: “Il denaro facile ha allargato i divari. Prepariamoci a guerre civili e globali”. E “alla fine dell’Impero americano”

Il fondatore del fondo Bridgewater, il più grande hedge fund al mondo, lancia l’allarme: “Debito, inflazione e populismo portano il mondo verso una crisi economica e un grande conflitto di potere tra Stati Uniti e Cina”. [continua ]

Economia

Draghi: “Tra i paesi dell’Ue, solo l’Italia è favorevole allo status di candidato all’Ucraina”

Il presidente del Consiglio: “Sul price cap siamo stati accontentati. L’Italia non esce penalizzata dall’accordo sul petrolio. Sono dieci anni che sostengo che è necessario creare una capacità fiscale centrale a livello europeo. L’Eni ha spiegato molto bene perché non viola le sanzioni. I Paesi che rischiano carestie si sentiranno traditi e non verranno mai dalla parte dell’alleanza. La crescita dell’inflazione penalizza le famiglie più povere”. [continua ]

Ue
Economia

La guerra trasforma l’Ucraina da paese povero a poverissimo. Il Pil 2022 a -35%

La crescita economica della Russia diminuirà del -8,5% quest’anno, secondo l’Fmi. Scendono anche le previsioni sul Pil globale: da +4,4% a +3,6%. L’Italia, che accusa la dipendenza energetica da Mosca, crolla dal 3,8% al 2,3%. La crisi avviene in un momento in cui l’economia globale non si è ancora pienamente ripresa dalla pandemia. Anche per questo motivo tutte le stime sono soggette a ulteriori modifiche. [continua ]

Economia

Indicatori

Crediti deteriorati

L'andamento dei crediti deteriorati dal 2005 al 2020 in Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna in rapporto al totale dei crediti erogati

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com