Tav, Conte: "Riequilibrare i costi". Macron: "Non ho tempo da perdere"

Il bilaterale a Bruxelles a margine del Consiglio europeo. Il premier: "Incontro proficuo". E minimizza sull'attacco dell'Eliseo sferrato poche ore prima

Tav, Conte: "Riequilibrare i costi". Macron: "Non ho tempo da perdere"

Ridurre i costi. E sperare così di riuscire a invertire l’esito dell’analisi costi-benefici commissionata dal governo sul Tav Torino-Lione. Con questo obiettivo Giuseppe Conte ha provato ad aprire il confronto con Emmanuel Macron in un bilaterale a Bruxelles a margine del Consiglio Europeo. "Un incontro proficuo" ha dichiarato Conte al termine del colloquio, il primo tra il premier italiano e il presidente francese dai giorni del ritiro dell'ambasciatore transalpino.

"Sulla Tav abbiamo condiviso un metodo - continua il presidente del Consiglio - riferiremo ai nostri rispettivi ministri competenti, che avranno il compito di analizzare i risultati dell'analisi costi-benefici". Sulle dure frasi pronunciate poche ore prima da Macron in merito alla Torino-Lione ("Problema italiano, non ho tempo da perdere", ha tagliato corto al termine di un lungo vertice a 27 su Brexit), Conte prova a minimizzare."Parole dure solo per evitare pressioni dei media".

L'Italia ha ancora cinque mesi e mezzo per ritirare i bandi avviati sull'opera senza pagare penali. Della necessità di abbassare i costi si dicono convinti sia il M5S che la Lega: da qui riparte Conte per provare ad arrivare, dopo le elezioni europee, a una decisione.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com