Boccia: “Non chiedere più deficit a Bruxelles ma un piano per le infrastrutture”

Il presidente di Confindustria: partire dalle "infrastrutture finanziabili con Eurobond"

Boccia: “Non chiedere più deficit ma un piano per le infrastrutture"
Il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia

"La prima cosa da non fare è quella di chiedere più deficit all'Ue per finanziare la politica corrente". Occorre invece partire dalle "infrastrutture finanziabili con Eurobond" e dai progetti per il lavoro che guardino ai giovani. È l’idea del presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, lanciata al Forum Ambrosetti a Cernobbio.

Secondo il leader degli industriali, "occorre cambiare metodo e paradigma sia a livello europeo sia italiano: non partire dai tetti ai saldi di bilancio per poi decidere cosa fare, ma partire dai fini che si vuole raggiungere per poi fissare i saldi".

"Restano i nodi di sviluppo - spiega Boccia - che abbiamo già indicato: cuneo fiscale, questione infrastrutturale nazionale ed europea, la questione del salario minimo, su cui non siamo critici, ma dovrebbe essere a nostro avviso legata ai grandi contratti di riferimento. E aggiungiamo anche un grande piano di inclusione giovani".

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com