Povertà, perché è così difficile raggiungere gli obiettivi europei?

Il problema è anche di natura metodologica. L’indicatore sulla povertà utilizzato nella strategia Europa 2020 misura le disuguaglianze di reddito, non la povertà

Povertà, perché è così difficile raggiungere gli obiettivi europei?

L’obiettivo dell'Ue di ridurre la povertà attraverso la strategia di Lisbona si è rivelato un fallimento, mentre l’obiettivo sulla diminuzione della povertà fissato dal programma Europa 2020 appare fuori portata.

Entrambe le strategie sono state basate su alcune varianti dell’indicatore “persona a rischio di povertà”. Tuttavia, la notevole differenza a livello nazionale nelle soglie di povertà rende inutile aggregare la povertà a livello europeo.

Inoltre, per raggiungere l’obiettivo di Europa 2020 il coefficiente di Gini, che misura la diseguaglianza di una distribuzione e spesso usato come indice di concentrazione del reddito, dovrebbe diminuire in due anni di 3,5 punti percentuali in ogni paese dell’Ue. Utopia allo stato attuale.

L'errore è stato porsi l'obiettivo di ridurre la povertà e non la disuguaglianza. Per cambiare rotta sarebbe sufficiente un accordo politico in seno all'Unione europea per stabilire un concreto obiettivo di riduzione della disuguaglianza e le politiche corrispondenti. Utopia anche questa?

Presi per il PIL

Europa 2020 è la strategia decennale dell’Ue per la crescita e l’occupazione, varata nel 2010 allo scopo di creare condizioni favorevoli ad una crescita “intelligente, sostenibile e inclusiva”. Si propone di ridurre di 20 milioni, a livello europeo, gli individui esposti al rischio di povertà o esclusione sociale entro il 2020. Piuttosto che attendere altri due anni per certificare il fallimento della strategia Europa 2020, non sarebbe forse opportuno prenderne atto ora?
Fonte

Presi per il PIL

Europa 2020 è la strategia decennale dell’Ue per la crescita e l’occupazione, varata nel 2010 allo scopo di creare condizioni favorevoli ad una crescita “intelligente, sostenibile e inclusiva”. Si propone di ridurre di 20 milioni, a livello europeo, gli individui esposti al rischio di povertà o esclusione sociale entro il 2020. Piuttosto che attendere altri due anni per certificare il fallimento della strategia Europa 2020, non sarebbe forse opportuno prenderne atto ora?
www.quotedbusiness.com