Germania, crolla il Pil nel 2° trimestre: -10,1%. Il peggior dato dal 1970

Il dato è inferiore alle attese degli economisti che prevedevano una flessione del 9% a livello trimestrale e del 10,9% su base annua. Crollano le Borse

Crolla il Pil nel 2° trimestre: -10,1%. Il peggior dato dal 1970

Il Pil tedesco ha registrato una flessione del 10,1% nel secondo trimestre. La riduzione su base annuale è stato dell’11,7%. Si tratta della peggior diminuzione dall’inizio della serie statistica nel 1970.

Il dato è peggiore alle attese degli economisti che prevedevano una flessione del 9% a livello trimestrale e del 10,9% su base annua. Secondo l’Ufficio federale di statistica (Destatis) si tratta del peggior calo dell'indicatore dall'inizio delle misurazioni trimestrali del Pil in Germania nel 1970. Una flessione che va oltre il precedente record del -4,7% nel primo trimestre del 2009 al culmine della crisi finanziaria.

Ad aprile, al culmine del lockdown, la produzione manifatturiera - il pilastro della più grande economia dell’Eurozona - ha registrato un crollo storico pari al 17,9%. Gli ordini industriali sono diminuiti del 25,8% e le esportazioni sono scese del 31,1%.

Il governo tedesco prevede che l’economia tornerà a crescere entro ottobre, con un rimbalzo del 5,2% nel 2021 e un ritorno ai livelli di produzione pre-crisi nel 2022. Covid19 permettendo.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com