Il ‘tradimento’ tedesco: 200 mld per fare fronte al caro energia. Berlino: “Non faremo come il Regno Unito”

La Germania va avanti da sola. Il cancelliere annuncia un maxi-pacchetto anti-crisi. Draghi: “Non possiamo dividerci a seconda dello spazio nei nostri bilanci nazionali”

Il ‘tradimento’ tedesco: 200 mld per fare fronte al caro energia

Duecento miliardi di euro per mettere un tetto (tedesco) al prezzo dell’energia e aiutare i cittadini schiacciati dal peso delle mega-bollette. È l’abnorme stanziamento pubblico annunciato dal cancelliere Olaf Scholz per superare gli effetti del taglio delle forniture russe e mettere la Germania al riparo dalla speculazione sul gas.

“I prezzi devono scendere e il mio governo farà di tutto per abbassarli. A beneficio sia dei cittadini che delle imprese” spiega il leader Spd, mentre il ministro delle Finanze, Christian Lindner, sottolinea come la maxi spesa non comporterà nuovo debito: “Chiaramente, non stiamo seguendo l’esempio del Regno Unito”. Un chiaro segnale inviato ai mercati.

La decisione di Berlino arriva dopo la diffusione da parte dell’Istituto federale di statistica (Destatis) del dato record dell’inflazione di settembre: +10%. Non succedeva da settant’anni. Il costo dell’energia in Germania è cresciuto del 43% rispetto all’anno scorso come ha certificato ieri l’istituto.

Duecento miliardi che si vanno ad aggiungere ad altrettanti stanziati lo scorso marzo “per la trasformazione energetica del Paese nei prossimi quattro anni” (come volevano i Verdi) e per sollevare i cittadini dalla sovrattassa sulle rinnovabili che non sarà più tra gli oneri in bolletta ma a carico del bilancio pubblico.

Arriva così il price cap tedesco ben prima del tetto di Bruxelles. Berlino torna così a mostrare un atteggiamento arrogante, dimostrando che quando la lotta si fa dura la prima economia europea decide di andare avanti da sola. Basti pensare che lo stanziamento destinato a frenare l’aumento delle bollette vale quanto il Recovery Fund riconosciuto all’Italia.

Fatto che ha innervosito Palazzo Chigi. “La crisi energetica richiede da parte dell’Europa una risposta che permetta di ridurre i costi per famiglie e imprese, di limitare i guadagni eccezionali fatti da produttori e importatori, di evitare pericolose e ingiustificate distorsioni del mercato interno e di tenere ancora una volta unita l’Europa di fronte all’emergenza. Davanti alle minacce comuni dei nostri tempi, non possiamo dividerci a seconda dello spazio nei nostri bilanci nazionali. Nei prossimi Consigli Europei dobbiamo mostrarci compatti, determinati, solidali - proprio come lo siamo stati nel sostenere l’Ucraina”. Con queste parole si è espresso Mario Draghi.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Germania, ecco la prima vittima eccellente della stretta di Mosca sulle forniture di gas all’Europa

Uniper chiede il salvataggio di Stato. Perdite fino a 10 miliardi, più del doppio del suo valore di mercato. Il colosso del gas ha dovuto far fronte al taglio delle forniture da Mosca comprando più gas sui mercati spot a prezzi molto elevati. Si teme un effetto contagio simile a quello di Lehman Brothers. E si parla di un enorme aumento delle bollette per il prossimo anno. [continua ]

Economia

La Bundesbank ha fatto i conti: l’embargo sul gas russo costerebbe 180 miliardi alla Germania e il 5% del Pil

Olaf Scholz: “Non vedo come embargo a gas possa fermare guerra”. Il cancelliere tedesco usa lo spettro della guerra nucleare per intimorire l’Ue rispetto alla messa al bando del gas russo. [continua ]

Energie & Risorse
Gas, Berlino dispone di una quantità pari a 40 volte ...

Gas, la Germania dispone di una quantità pari a 40 volte quella importata da Mosca. Ma non la usa

Energie & Risorse
Senza gas: riserve sufficienti per due mesi e mezzo

Germania senza gas: riserve sufficienti per due mesi e mezzo. Berlino chiede aiuto all’Europa

Energie & Risorse
Gas, dal Qatar alla Germania 2,8 miliardi di metri cubi all’anno per 15 ann

Gas, dal Qatar alla Germania 2,8 miliardi di metri cubi all’anno per 15 anni

Energie & Risorse
Verso il price cap sul gas. Ma scatterà solo in condizioni eccezionali
quoted business

L’Ue verso il price cap sul gas. Ma scatterà solo in condizioni eccezionali

Ue
Strategie & Regole

Indicatori

Crediti deteriorati

L'andamento dei crediti deteriorati dal 2005 al 2020 in Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna in rapporto al totale dei crediti erogati

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com