Reddito di cittadinanza, parte la sperimentazione in una città californiana

Stockton, a lungo afflitta dalla povertà, sta testando il reddito di base universale per combattere la crescente disuguaglianza

Reddito di cittadinanza, una città californiana lo sta sperimentando
Stockton, California

Poche settimane dopo l'annuncio della Finlandia di non proseguire la sperimentazione, c'è una città nella Central Valley della California, Stockton, che ha deciso di rilanciare l'idea del reddito di cittadinanza. Il piano prevede di erogare 500 dollari al mese a circa 100 famiglie, senza vincoli e per due anni.

Cresce il consenso

Il concetto di reddito di base sta guadagnando sostenitori: è visto come un potenziale stabilizzatore di fronte a un'insurrezione populista che si abbatte sull'ordine economico liberale del secondo dopoguerra. Viene per questo sposato dai pensatori che cercano di re-immaginare il capitalismo per distribuire la ricchezza in modo più equo, ma anche dai tecnologi che evidenziano il potere distruttivo dell’automazione sul lavoro.

Un’idea che affonda le radici nella storia

In varie forme, il reddito di cittadinanza ha affascinato attivisti e intellettuali per secoli. Nel 1500 il romanzo di Thomas More "Utopia", per scoraggiare i ladri, avanzò l’idea che l'assistenza pubblica potesse rivelarsi più efficace della minaccia di una condanna a morte. In tempi più moderni, Milton Friedman, seppur vicino all’impostazione neoclassica del laissez-faire, ha abbracciato l'idea di imposte negative sul reddito. E, poi, c'è Martin Luther King, che ha spesso parlato di "reddito garantito".

Quasi senza vincoli

Nella versione contemporanea il reddito di base prevede un’erogazione monetaria priva di vincoli. Nel caso californiano in realtà un vincolo c’è: la misura non viene assegnata a tutti i cittadini indipendentemente dal loro status economico, come invece prevede il reddito di cittadinanza. Già il solo fatto di individuare una platea di bisognosi dimostra l’esistenza, appunto, di una barriera. Mentre il fatto di non chiedere nulla in cambio ai beneficiari si basa sul presupposto che le persone meno abbienti possano gestire il denaro in modo più efficace di quanto riesca a fare lo Stato.

Risarcimento postumo della robotizzazione?

Quindi, il reddito di cittadinanza salverà il pianeta dalla crescente disuguaglianza o condannerà una fetta sempre più ampia persone una vita di sussistenza, ma definitivamente liberata dalla “schiavitù” del lavoro? O più semplicemente è un risarcimento postumo della robotizzazione dell’economia? In ogni caso i numeri dicono che, negli Stati Uniti, un programma per distribuire 10 mila dollari l'anno a ogni americano costerebbe 3 trilioni. Persino alcuni sostenitori dell'ampliamento della rete di sicurezza sociale si oppongono all'idea.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com