L’economia Usa rallenta e Wall Street risale

Disoccupazione Usa ai minimi da 50 anni. Ma la Fed apre a un altro taglio dei tassi di interesse

L’economia rallenta e Wall Street risale

L’economia Usa frena, ma Wall Street reagisce bene. L’apparente paradosso è spiegato dal fatto che sono aumentate, secondo gli analisti, le chance di un taglio del tassi da parte della Fed alla prossima riunione del 29 e 30 ottobre. Un ritocco legato alla volatilità delle Borse e al rallentamento del settore manifatturiero, che hanno alimentato i timori di una recessione.

Se è vero che la disoccupazione è scesa al 3,5% segnando il minimo da 50 anni, è altrettanto vero che i nuovi posti sono stati 136 mila contro attese per 145 mila e l’ultima rilevazione sulla crescita dei salari (+2,9% annuo) ha rappresentato una netta frenata.

In attesa della decisione di Jerome Powell, alla luce delle ultime indicazioni, alle quali hanno fatto eco segnali negativi da Germania e Cina, il presidente della Fed di Chicago, Charles Evans, si è detto preoccupato per le prospettive di inflazione, aprendo di fatto alla possibilità di un nuovo taglio dei tassi Usa.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com