L’ex presidente della Fed, Greenspan: “Nessuna recessione all’orizzonte”

I dati sembrano dare ragione all'ex capo della Federal Reserve

L’ex presidente della Fed, Greenspan: “Nessuna recessione all’orizzonte”

“Nonostante il rallentamento della crescita del Pil, è troppo presto per temere una possibile recessione negli Stati Uniti”. A sostenerlo è l’ex presidente della Federal Reserve Alan Greenspan.

Le aziende stanno riducendo il proprio indebitamento, e il credito non è più tornato ai livelli precedenti alla Grande recessione (del 2008), secondo Greenspan.

“L’economia si è indebolita, ma ci troviamo ancora in un periodo di deleveraging. Nessuna recessione, perlomeno nell’ultimo mezzo secolo, ha avuto inizio dopo un periodo di deleveraging”, ha detto l’ex capo della Fed. Il dato mostra che le aziende continuano a realizzare investimenti a lungo termine, malgrado i diversi avvertimenti su una possibile recessione e le continue tensioni sul fronte commerciale.

Greenspan ha tuttavia sottolineato la sua preoccupazione per il rallentamento della crescita. Il Pil nel terzo trimestre è salito dell’1,9% (al di sopra della stima degli analisti pari all’1,6%), ma l’incremento è stato più lento che nei due trimestri precedenti.

“Sono cauto sull’outlook a lungo termine – ha spiegato Greenspan - e attualmente stiamo operando con un tasso di crescita reale su base annuale inferiore al 2%, ma ciononostante non sembriamo destinati a entrare in recessione, malgrado la crescita economica abbia subito un rallentamento significativo”.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com