Il Pil russo potrebbe crollare del 20% nel secondo trimestre

Il Pil potrebbe crollare del 20% nel secondo trimestre

L’economia russa rischia di registrare un crollo del 20% nel secondo trimestre rispetto ai primi tre mesi dell’anno come conseguenza delle sanzioni varate da Ue e Usa in risposta all’invasione in Ucraina.

È quanto notano gli esperti di Jp Morgan – ma la previsione non tiene conto di altri paesi che stanno varando nuove sanzioni (l’ultima in ordine di tempo sono quelle decise dalla Svizzera) -secondo cui la flessione per l’intero anno potrebbe essere nell’ordine del 3,5%.

Sul fronte dei prezzi, gli economisti della banca americana ritengono che l’inflazione potrebbe attestarsi al 10% a fine anno con rischi significativamente orientati al rialzo.

Intanto la Banca centrale russa ha raddoppiato i tassi di interesse portandoli al 20% dal precedente livello del 9,5%, nella speranza di frenare la fuga di capitali.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com