Spagna: socialisti in testa, vola l’ultradestra. Ma nessuno ha la maggioranza

Vincono i socialisti. L’ultradestra (Vox) diventa il terzo partito del paese. Ma come nelle elezioni precedenti il problema di base non è stato risolto: nessun partito ha la maggioranza necessaria per governare

Socialisti in testa, vola l’ultradestra. Nessuno ha la maggioranza

In Spagna i dati delle elezioni confermano i socialisti del Psoe in testa con 122 seggi, seguiti dal Pp con 82 e dall’ultradestra di Vox con 52 seggi.

Tuttavia, nessun partito ha la maggioranza necessaria per governare. Si conferma il crollo di Ciudadanos che, con 10 seggi indicati, scende al sesto posto fra le formazioni politiche, superato anche da Esquerra Republicana che si assesta al quinto posto con 13 seggi.

Le elezioni del 10 novembre, la cui affluenza rispetto alla precedente tornata elettorale è scesa di circa 4 punti percentuali, erano state convocate poco più di sei mesi dopo la consultazione dello scorso 28 aprile il cui esito non ha reso possibile la formazione di un governo.

E si tratta per la Spagna delle quarte elezioni in quattro anni.

Indicatori

L'andamento del rapporto debito/Pil in Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Spagna

Osservando l’andamento del rapporto debito/pil nei cinque paesi selezionati emergono tre aspetti nodali 1) la tendenza a convergere da parte di Francia, Regno Unito e Spagna negli ultimi anni 2) la dimensione del debito italiano 3) la netta inversione di marcia della Germania dopo il 2012

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com