Verso un nuovo Governo di “grosse koalition” CDU-SPD. Ma non ci sono vincitori

Riaperti i negoziati nella notte dopo le pressioni del Presidente della Repubblica, Steinmeier

Verso un nuovo Governo di “grosse koalition” CDU-SPD
Martin Schulz, Presidente dell'SPD, e la Cancelliera Angela Merkel

Martin Schulz, Presidente dell’SPD, è stato ricevuto da Frank-Walter Steinmeier, Presidente della Repubblica federale tedesca e anche lui membro dello stesso partito. Ma il vero confronto si deve essere consumato tra le mura del suo partito. Otto ore di colloqui terminati nella notte e sanciti dal segretario Spd, Hubertus Heil: “Siamo fermamente convinti che il dialogo sia importante. Non chiudiamo al negoziato”.

Alla fine ha vinto la paura di andare a nuove elezioni e veder vincere, forse stravincere l’estrema destra e il partito degli astensionisti.

Ma l’operazione non è certo priva di rischi. Gli elettori tedeschi, infatti, avevano a settembre bocciato un nuovo Governo di coalizione CDU-SPD.

Ecco perchè, dopo il fallito tentativo di una coalizione Jamaika tra la Cancelliera, i liberali e i verdi, Schulz aveva sostenuto che la Spd non avrebbe più accettato di aprire un negoziato per una “grosse koalition”.

Poi la retromarcia. Ma il dilemma resta aperto e verrà probabilmente dipanato al congresso SPD di dicembre, quando bisognerà verificare cosa penserà la base del partito verso un altro Governo con la Merkel. Così come non è possibile escludere che in quella sede, o forse anche prima, l’ex Presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, deciderà di dimettersi.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com