Il dilemma dell'Spd sulla "grosse koalition": partecipare o no al governo con la Merkel?

I favorevoli ritengono la "grosse koalition" come una buona opportunità, mentre per i contrari così facendo andrà sempre peggio per l'Spd. Sullo sfondo l'ascesa dell'Alternativa di destra (Afd)

Il dilemma dell'Spd sulla "grosse koalition"

A più di quattro mesi dalle elezioni politiche in Germania non c'è ancora un nuovo governo e l'ultima speranza di formarlo è appesa a un filo: è tutto in mano ai membri dell'Spd che devono votare il sostegno alla "grosse koalition".

Se prevalessero i contrari all'accordo allora nuove elezioni sarebbero inevitabili. A quel punto la direzione dell'Spd dovrebbe dimettersi e Angela Merkel non avrebbe probabilmente un'altra chance dopo due tentativi falliti di formare un governo. Sullo sfondo si renderebbe sempre più concreta l'ascesa dell'Alternativa di destra (Afd).

Si è arrivati a questo perchè gli oppositori all'intesa Spd-Cdu si preoccupano più del futuro del proprio partito che di quello del paese.

I sostenitori ritengono che l'Spd debba entrare nel governo in quanto c'è la possibilità di attuare una parte del loro programma. I contrari pensano che alleandosi con la Cdu il partito socialdemocratico perderebbe ulteriore consenso. Solo una rottura netta potrebbe cambiare le cose.

Il problema è che entrambe le posizioni sono plausibili e corrette. Occorre, dunque, trovare un compromesso tra queste due posizioni. Prima che sia troppo tardi per la Germania, ma anche per l'Ue.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com