Donna premier in Tunisia. Novità (apparente) nei paesi arabi

In realtà tutto il potere resta nelle mani del presidente che guiderà le riunioni di governo

Donna premier. Novità (apparente) nei paesi arabi
Najla Bouden

Per la prima volta nella storia della Tunisia (e del mondo arabo) a guidare il governo sarà una donna, Najla Bouden, che diventa così l’undiecesimo capo di governo dalla rivoluzione del 2011. Si tratta di un passaggio epocale che avviene tuttavia nel momento più difficile della giovane democrazia tunisina.

Nei giorni scorsi il presidente Kais Saied, che a fine luglio ha sciolto il governo e sospeso il Parlamento, si è dato di fatto pieni poteri con un decreto che lo autorizza a nominare il premier, i ministri, gli assegna il potere esecutivo e l’ultima parola su quello giudiziario.

Bouden è un ingegnere, docente di scienze geologiche alla Scuola nazionale di ingegneri di Tunisi, con alle spalle una lunga esperienza accademica e nella ricerca. Attualmente è responsabile dell’attuazione del programma della Banca mondiale presso il ministero dell’Istruzione superiore e della ricerca scientifica, istituzione con la quale collabora da anni. Il programma finanziato dalla Banca mondiale dà sostegno alla riforma dell’istruzione superiore in corso in Tunisia.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La rivoluzione tradita: cosa sta succedendo in Tunisia?

La rivoluzione tradita: cosa sta succedendo in Tunisia?

Strategie & Regole
Dalla ‘rivoluzione’ al ritorno della dittatura?

Tunisia, dalla ‘rivoluzione’ al ritorno della dittatura?

Strategie & Regole

Tunisia, l’Ue incassa una prima intesa. Ma tutto ora dipende dal Fondo monetario (ovvero dagli Usa)

Firmata dichiarazione congiunta tra l’Ue e la Tunisia a Cartagine dove si è svolto l’incontro tra la premier Giorgia Meloni, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, il premier olandese Mark Rutte e il presidente tunisino Kais Saied che però alza la posta. Resta centrale il ruolo degli Stati Uniti. [continua ]

Global
Premier ‘licenziato’ e Parlamento ‘congelato’. È colpo di Stato?

Tunisia, il presidente ‘licenzia’ il Premier e ‘congela’ il Parlamento. È colpo di Stato?

Strategie & Regole

Quasi nessuno ha (ancora) il coraggio di ammettere che l’Ucraina ha perso la guerra, sebbene il Piano B sia pronto da tempo

Zelensky non può vincere. In realtà anche Putin non naviga in acque così tranquille. La profezia dell’ex Capo di stato maggiore Usa Mark Milley: “Questa guerra non la vincerà davvero nessuno dei due e finirà al tavolo di un negoziato”. Per Kiev ci sono state pesanti perdite territoriali, ma la Crimea era già stata persa nel 2014 e il Donbass è assediato da tempo da una guerra civile. [continua ]

Strategie & Regole
A Parigi i trattori “bloccano” Macron che diserta il G7 a Kiev (e invita i

A Parigi i trattori “bloccano” Macron che diserta il G7 a Kiev (e invita i leader a Parigi)

Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com