Più di mezzo milione di persone a Londra per dire no alla Brexit. Chiedono un nuovo referendum

Più di mezzo milione a Londra per dire no alla Brexit
Sadiq Khan

Un secondo referendum sulla Brexit. È ciò che ha chiesto il circa mezzo milione di persone che hanno sfilato il 20 ottobre per le vie di Londra. Hanno partecipato, tra gli altri, lo scrittore Ian McEwan e la star della musica britannica Jarvis Cocker. 

È stata la più grande manifestazione di questo secolo sul territorio britannico – organizzata da People’s Vote - dopo quella contro la guerra in Iraq nel 2003 alla quale partecipò un milione di persone.

I manifestanti hanno chiesto di poter dire l'ultima parola sull'accordo di uscita dall'Ue che il governo di Theresa May e la Commissione stanno da mesi, invano, cercando di raggiungere soprattutto a causa della questione irlandese.

Ma anche qualora sia raggiunta un’intesa entro marzo 2019 sarà necessaria l’approvazione della Camera dei Comuni. Il che non è affatto scontata.

Proprio per questo motivo il sindaco di Londra Sadiq Khan, a margine dell'evento, ha spiegato che "qui non stiamo chiedendo un secondo o un terzo referendum, ma stiamo dicendo che la maggior parte delle promesse fatte due anni fa non si sono concretizzate, nessuno parlava di una ‘cattiva Brexit’ o di un no-deal. In queste circostanze la cosa più democratica da fare è dare al popolo britannico il diritto di dire se accettano o meno il risultato dei negoziati tra il governo e l'Ue." Ovvero, indire un secondo referendum.

"Non c'è niente di più democratico né più britannico", ha sottolineato il primo cittadino della capitale.

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com