Venezuela, scontri e 4 morti. Bruciati camion con aiuti

Maduro rompe le relazioni con la Colombia. Guaidò: "Sul tavolo tutte le opzioni possibili". I gruppi irregolari chavisti sparano sui manifestanti alla frontiera sud-est causando 4 morti

Scontri e 4 morti. Bruciati camion con aiuti

La tensione sulle frontiere venezuelane si sta trasformando in scontro aperto, con le milizie fedeli a Nicolas Maduro che sparano lacrimogeni e proiettili di gomma sui dimostranti per impedire il passaggio degli aiuti internazionali.

Un’escalation crescente, che segna l’isolamento del regime ma anche la sua volontà di difendersi con tutti i mezzi. Il bilancio del sabato di fuoco è drammatico. Ci sarebbero stati 285 feriti tra i dimostranti che sostengono Juan Guaidò, il presidente autoproclamato.

A Santa Elena de Uairen, sul confine brasiliano, il giornale brasiliano O Globo parla di quattro morti. Ma la frontiera più calda è quella con la Colombia. Proprio lì Ivan Duque, presidente colombiano, ha incontrato Juan Guaidò, annunciando l'inizio dell'operazione "pacifica, multilaterale e umanitaria" per fare entrare in Venezuela i camion con cibo e medicine inviate dalla comunità internazionale. Immediata la replica di Maduro che ha deciso di interrompere le relazioni con la Colombia, ordinando ai diplomatici di lasciare il Paese.

I tentativi delle colonne di aiuti umanitari sono falliti in tarda serata. I primi tre camion che hanno attraversato il ponte Bolivar, il collegamento tra Colombia e Venezuela, sono stati incendiati dalla polizia. A quel punto è stato ordinato ai convogli di tornare indietro.

Guaidò, intanto, continua a chiedere alle forze armate di schierarsi con lui: “Chi non sta a fianco del popolo e impedisce l’ingresso degli aiuti è un disertore che tradisce il nostro popolo. Chi ci accompagna a salvare la vita dei venezuelani è un vero patriota”, ha detto. E si cominciano a registrare le prime defezioni: almeno 60 soldati e poliziotti sono passati dalla sua parte.

Fonte

Articoli correlati

Governo norvegese: "Sì di Guaidò a nuove trattative con Maduro"

quoted business

Venezuela, governo norvegese: "Sì di Guaidò a nuove trattative con Maduro"

Strategie & Regole

Venezuela, Guaidò cede e accetta di trattare con Maduro

L'autoproclamato presidente ad interim Juan Guaidò sembra aver fallito il suo progetto di rovesciare il governo Maduro. Nonostante il paese stia attraversando una profonda crisi economica, con un’inflazione pari a un milione per cento, il presidente venezuelano resiste. Così alcuni emissari delle due parti sono volati lontano, in Norvegia, per trattare una concessione finora rifiutata da Guaidò. [continua ]

Strategie & Regole
Scontro tra Usa e Russia. Venti di "guerra fredda"

quoted business

Venezuela, scontro tra Usa e Russia. Venti di "guerra fredda"

Strategie & Regole
Guaidó lancia “l’operazione libertà”. Blindati sui manifestanti

quoted business

Venezuela, Guaidó lancia “l’operazione libertà”. Blindati sui manifestanti

Strategie & Regole
Caracas, gli aerei inviati da Mosca servono per trasportare oro?

Caracas, gli aerei inviati da Mosca servono per trasportare oro?

Strategie & Regole

quoted business

Sale la pressione su Maduro. Ma Cina, Russia e Turchia sono ancora con lui

“Maduro deve lasciare”, ribadisce Juan Guaidò. Mentre il Venezuela è al collasso, il leader 35enne dell’opposizione, autoproclamatosi presidente ad interim il 23 gennaio quando dichiarò che avrebbe spodestato l’attuale presidente e governato la nazione fino a nuove elezioni, non è ancora riuscito nel suo obiettivo. I sostenitori di Maduro accusano Guaido di essere un burattino degli Stati Uniti, il cui unico fine è l'accesso alle riserve petrolifere venezuelane, le più ingenti al mondo. [continua ]

Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com