‘The blue acceleration’. Lo sfruttamento economico che manda in crisi gli oceani

Dall’estrazione mineraria in acque profonde alla pesca su scala industriale, le attività umane negli oceani si stanno espandendo in modo massiccio in un regno in cui si applicano poche regole

Lo sfruttamento economico e industriale che manda in crisi gli oceani

Nel 1970, il piccolo stato insulare del Pacifico di Nauru è stato per breve tempo uno dei paesi più ricchi del mondo. Il suo reddito pro capite era pari a quello dell’Arabia Saudita, solo che questa ricchezza non era costruita sul petrolio, ma sulle feci. Per millenni, infatti, gli uccelli marini di passaggio hanno depositato i loro escrementi sull’isola, creando una spessa crosta di guano ricco di fosfati, pronto per essere trasformato in fertilizzante.

La fortuna non è tuttavia durata a lungo: il guano è stato definitivamente raschiato circa 20 anni fa. Ora Nauru, non più sporca e ricca, è il primo motore di un’altra, anche questa controversa, spinta verso lo sfruttamento delle risorse. A partire dallo scorso anno, il paese sta cercando di avviare l’estrazione mineraria in acque profonde nel Pacifico, forse già nel 2023.

Questa vicenda rappresenta un microcosmo di una storia molto più ampia. Mentre le pressioni sulla terra del nostro pianeta crescono e le risorse vanno esaurendosi, i governi e alcune grandi aziende infatti si stanno sempre più concentrando sulla cosiddetta ‘blue economy’.

Che si tratti, ad esempio, di esplorazione mineraria, spedizioni commerciali, energia, turismo, desalinizzazione, posa di cavi, le industrie oceaniche stanno accelerando. Uno sprint che però desta preoccupazione, visto che trarre profitto dalle risorse oceaniche avviene in ambienti (appunti quelli marini) che sono per nulla o poco regolamentati. Una sorta di ‘liberi tutti’ in profondità, di cui ora non ci accorgiamo ma che presto ci presenterà un conto salato, quello sì ben più dell’acqua marina.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

L’industria del cemento è responsabile dell’8% delle emissioni di CO2

L’industria del cemento è responsabile dell’8% delle emissioni globali di CO2

Planet
Industria spaziale, un mercato per 3

Industria spaziale, un mercato per 3

Planet
Sachs: “Smantellare la rete dei combustibili fossili”

Sachs: “Smantellare la rete di potere sostenuta dall’industria dei combustibili fossili”

Planet
quoted business

La svolta americana: “Armi più potenti e istruttori per Kiev”. Gli ‘aiuti’ Usa all’Ucraina salgono a 2,6 mld. Brinda l’industria bellica

Nel pacchetto da 800 milioni di dollari obici, radar e elicotteri Mi-17. Il Pentagono crede che il conflitto sarà lungo e convoca le aziende produttrici di armamenti per studiare rifornimenti all'Ucraina di sistemi bellici occidentali. [continua ]

Strategie & Regole

Così le economie avanzate sottraggono risorse al Sud del mondo

Le disuguaglianze tra Nord e Sud del mondo sarebbero figlie dello scambio ineguale. Una teoria che un nuovo studio prova a tradurre in cifre. Nel 2015 il Nord del mondo si è appropriato di 12 miliardi di tonnellate di materie prime, 822 milioni di ettari di terreno, 21 exajoule di energia, 188 milioni di anni di lavoro. Tutte risorse che sono incorporate nei beni e che, tradotte in denaro, avrebbero un prezzo di 10.800 miliardi di dollari. Abbastanza per porre fine alla povertà estrema. [continua ]

Economia
Le tensioni con Mosca minacciano l’industria elettronica statunitense
quoted business

Le tensioni con Mosca minacciano l’industria elettronica statunitense

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com