2.000 miliardi di extraprofitti per 722 società in appena due anni

Gli extraprofitti delle grandi aziende sono la causa di quasi la metà dall’aumento dei prezzi e del conseguente crollo del potere d’acquisto.

2.000 mld di extraprofitti per 722 società in 2 anni

Negli ultimi due anni 722 tra le più grandi imprese del mondo hanno realizzato, in media, quasi mille miliardi di dollari di extraprofitti all’anno. Mentre i prezzi di beni di consumo, cibo ed energia schizzavano alle stelle assieme ai tassi di interesse, con un impatto devastante sul costo della vita per miliardi di persone in tutto il mondo. A rivelarlo è una nuova analisi di Oxfam e ActionAid, che focalizza l’attenzione sulle imprese della classifica ‘Global 2000’ di Forbes, valutandone gli extraprofitti realizzati nel 2021-2022.

Considerando i dati per gli specifici settori dell’economia, l’analisi rivela come 45 società del settore dell’energia abbiano realizzato, in media, nel biennio considerato, 237 miliardi di dollari all’anno di profitti in eccesso. Se i governi avessero tassati al 90 per cento tali extraprofitti, realizzati dagli operatori nel settore dei combustili fossili e riversati ai ricchi azionisti, avrebbero avuto risorse sufficienti per aumentare del 31 per cento gli investimenti globali in energia prodotta da fonti rinnovabili.

Anche le multinazionali del comparto alimentare, della difesa e aerospazio, le banche, le maggiori aziende farmaceutiche e i principali rivenditori al dettaglio hanno migliorato sensibilmente le proprie posizioni durante la crisi inflattiva, che ha visto portate alla fame 250 milioni di persone in 58 Paesi.

Nel settore food and beverage 18 colossi hanno realizzato oltre 14 miliardi di dollari all’anno di extraprofitti. Una cifra equivalente a oltre due volte il gap di finanziamento di 6,4 miliardi di dollari indispensabile per fronteggiare la tremenda crisi alimentare che in Africa orientale – tra Etiopia, Kenya, Somalia e Sud Sudan – rischia di far morire per fame 1 persona ogni 28 secondi nei prossimi mesi, a fronte anche del drastico aumento, di oltre il 14 per cento, dei prezzi dei prodotti alimentari a livello globale nel 2022.

Nel comparto farmaceutico 28 grandi imprese hanno totalizzato 47 miliardi di dollari all’anno di extraprofitti. Mentre 42 grandi rivenditori al dettaglio e catene di supermercati hanno registrato utili in eccesso per 28 miliardi di dollari all’anno, in media nel biennio 2021-2022.

Nove tra le più grandi società del settore aerospaziale e della difesa hanno realizzato 8 miliardi di dollari all’anno di profitti in eccesso in media nell’ultimo biennio, mentre novemila persone muoiono ogni giorno di fame, in gran parte a causa di conflitti e guerre.

Che ci sia un problema non sembra discutibile. Secondo il Fondo Monetario Internazionale, l’aumento dei profitti spiega il 45 per cento dell’aumento dei prezzi in Europa nel 2022. La Presidente della Bce, Christine Lagarde, si è spinta a paventare il rischio di una greedflation (la cosiddetta inflazione da avidità). Un termine che indica il tentativo di alcune imprese di ottenere opportunisticamente un vantaggio dall’inflazione, incrementando i prezzi ben oltre i costi di produzione senza che ciò sorprenda i consumatori vista l’inflazione generale.

“È innegabile che i profitti siano oggi i veri vincitori nel conflitto distributivo, mentre i salari sono tra i perdenti. L’esito è profondamente iniquo con una sola categoria, i lavoratori, lasciata a sostenere il peso della crisi del caro-prezzi. Ed è anche profondamente inefficiente, visto che i salari alimentano la domanda di beni e servizi delle stesse imprese”. È il quadro tracciato da Mikhail Maslennikov, policy advisor su giustizia fiscale e lotta alle disuguaglianze di Oxfam Italia. 

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La mossa di Powell che spiazza la Bce: “Se l’inflazione non scende, niente tagli del tasso di interesse”

I dati recenti mostrano una mancanza di ulteriori progressi sul fronte dell’inflazione negli Usa, secondo il presidente della Fed Jerome Powell. A questo punto la domanda è: il disallineamento tra la politica monetaria della prima economia al mondo e quella dell’Eurozona quali effetti macroeconomici produrrà? [continua ]

Moneta & Mercati
quoted business

Le banche centrali si preparano a spostare l’obiettivo sull’inflazione dal 2 al 3 per cento?

Difficilmente la Banca centrale statunitense aumenterà ulteriormente i tassi di interesse, ma Powell ammette: “L’inflazione è ancora troppo alta”. [continua ]

Moneta & Mercati

Ormai (quasi) tutti riconoscono che l’inflazione è guidata dai profitti. Ma si continua a sbagliare la terapia

Non è forse giunto il momento di riconoscere che il ricorso a tassi di interesse più elevati non è altro che una strategia per scaricare i costi dell’inflazione sul lavoro (riducendo i salari), sui programmi sociali (attraverso l’austerità) e sulle generazioni future (scoraggiando gli investimenti)? A volte fare un passo indietro è il modo migliore per andare avanti. [continua ]

Moneta & Mercati
Quello che sappiamo sull’inflazione non è vero

Quello che sappiamo sull’inflazione non è vero

Moneta & Mercati
L’industria dell’IA si sta trasformando in una bolla finanziaria?

L’industria dell’intelligenza artificiale si sta trasformando in una bolla finanziaria?

Corporate
Nvidia è la prima azienda per capitalizzazione

Nvidia è la prima azienda al mondo per capitalizzazione

Corporate

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com