Bayer taglia 12 mila posti di lavoro

Bayer taglia 12 mila posti di lavoro

Bayer ha bisogno di ridurre i costi. E a pagare il conto saranno i dipendenti. Da qui alla fine del 2021 saranno licenziati in 12 mila, ovvero il 10% della forza lavoro della multinazionale a livello globale.

Il piano di ristrutturazione prevede anche la vendita di due brand: Dr Scholl e Coppertone, entrati a far parte del Gruppo tedesco quattro anni fa nell’ambito dell’acquisizione di Consumer Health di Merck per 14 miliardi di dollari.

"Con le misure che stiamo adottando, riusciremo a migliorare le prestazioni e la redditività di Bayer in modo sostenibile", ha dichiarato il ceo del Gruppo, Werner Baumann.

Le azioni del gigante tedesco sono intanto diminuite di oltre un terzo dall’inizio del 2018 e ad agosto sono scese drasticamente dopo una sentenza emessa da un Tribunale negli Stati Uniti che ha confermato la correlazione tra cancro e glifosato (utilizzato nel noto diserbante Monsanto's Roundup).

Quella che è stata la più grande acquisizione di sempre da parte di un’azienda tedesca – l’operazione su Monsanto è costata 54 miliardi di euro – rischia di rivelarsi un flop. Ha creato il primo player mondiale del settore, ma ha anche accresciuto l’ansia degli investitori, sempre più preoccupati che le 9 mila cause già intentate sui presunti effetti cancerogeni possano mettere in seria difficoltà i conti aziendali.

Fonte

Articoli correlati

Apple e Qualcomm mettono fine alla guerra delle royalty

Apple e Qualcomm decidono di mettere fine ad anni di scontri legali e patteggiare le numerose dispute sulle royalty. L'accordo raggiunto include anche un contratto di licenza della durata di sei anni, con l'opzione di estenderlo per altri due. L'intesa prevede inoltre un pagamento una tantum da Apple a Qualcomm. Con il patteggiamento vengono a cadere tutte le reciproche accuse avanzate nei vari tribunali del mondo. [continua ]

Corporate

quoted business

Puntualità dei pagamenti, Italia solo 13° in Europa

Puntualità dei pagamenti in Europa: l'Italia non fa una bella figura. Si piazza al 13° posto ed è superata da Paesi come Polonia (1°), Slovenia (7°), Irlanda (8°) e Belgio (12°), mentre la Gran Bretagna si posiziona al 14°. I dati sono contenuti nello Studio Pagamenti 2019 effettuato da CRIBIS, che ha analizzato i comportamenti in 32 Paesi nel mondo (22 sono europei). [continua ]

Corporate

Cnn

Le pressioni estere non frenano Huawei: utili in crescita del 25%

Intorno alla multinazionale cinese si è scatenato un polverone geopolitico internazionale. Ma le problematiche relative alla sicurezza nazionale, che hanno indotto la Casa Bianca a bandire le sue infrastrutture 5G, non sembrano aver intaccato i conti di Huawei. O meglio, gli utili sono saliti del 25% nel 2018: il terzo produttore mondiale di smartphone ha registrato profitti per 8,8 miliardi di dollari (nel 2017 avevano fatto registrare il 28% e lo 0,4% nel 2016). [continua ]

Corporate
"Guerra degli occhiali", EssilorLuxottica: Del Vecchio ricorre alla Camera

quoted business

"Guerra degli occhiali", EssilorLuxottica: Del Vecchio ricorre alla Camera arbitrale

Corporate
Corporate bond, 500 miliardi rischiano di diventare "spazzatura"

Corporate bond, 500 miliardi rischiano di diventare "spazzatura"

Corporate

Fca torna al dividendo dopo dieci anni: un mld ai soci

Fca torna al dividendo, dopo dieci anni. Il cda ha deliberato di proporre all'assemblea il prossimo 12 aprile la distribuzione di un dividendo pari a 0,65 euro per azione, corrispondente a una distribuzione complessiva di circa un miliardo di euro. Lo si legge in una nota del gruppo automobilistico. Fca ha, inoltre, pubblicato sul sito il documento consegnato alla Sec, la società che controlla la Borsa americana, sul bilancio al 31 dicembre 2018. [continua ]

Corporate

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com