Alibaba, la doppia mossa del colosso dell'e-commerce cinese

Alibaba, la doppia mossa del colosso dell'e-commerce
Jack Ma

Tutto era sembrato cominciare bene. È il mese di gennaio 2017 e, dopo l'incontro che precede l’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca, il tycoon dichiara: "Io e Jack Ma faremo grandi cose". E il fondatore di Alibaba replica annunciando di voler “creare 1 milione di posti di lavoro negli Stati Uniti”. Poi, da quando Trump diventato presidente degli Usa, è cominciata la guerra commerciale e lo scenario è cambiato. Fino alla marcia indietro del colosso dell’e-commerce cinese.

Jack Ma, che da poco ha lasciato la presidenza di Alibaba, ha spiegato che la sua promessa non è più realizzabile a causa della guerra dei dazi Usa-Cina. "La precondizione era il mantenimento di relazioni commerciali amichevoli tra i due Paesi, ma questa premessa ora è venuta meno e la nostra promessa non può essere mantenuta. Il commercio non è un'arma e non dovrebbe essere usato per cominciare le guerre, ma dovrebbe essere un fattore chiave per la pace", ha dichiarato Ma.

Al contempo, l'agenzia Efe riporta che il magnate cinese ha annunciato la creazione di una società all'interno del gruppo Alibaba che si dedicherà alla produzione di chip per l’intelligenza artificiale, un settore finora guidato dalle società statunitensi. La nuova creatura si chiamerà "Pingtouge" in onore alle api, un animale che affascina Jack Ma per la sua perseveranza anche in condizioni avverse.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com