Fisco, Google ha trasferito 20 mld dai Paesi Bassi alle Bermuda

Fisco, Google ha trasferito 20 mld alle Bermuda

Google ha trasferito nel 2017 ricavi per 19,9 miliardi di euro da una controllata irlandese a una società olandese senza dipendenti e, quindi, alle Bermuda, evitando così di dover pagare mld in tasse.

La multinazionale, sussidiaria di Alphabet, ha spostato in quello che è di fatto un paradiso fiscale ben 4 miliardi in più rispetto al 2016. Le cifre provengono dai conti annuali della società olandese Google Netherlands Holding, depositati presso la Camera di commercio olandese alla fine del 2018.

“Paghiamo tutte le tasse dovute e rispettiamo le norme fiscali di tutti i Paesi in cui operiamo in tutto il mondo”, dichiara Google in un comunicato. Poi, il colosso ammette: “Google, come altre società multinazionali, paga la maggior parte delle imposte sul reddito nel suo Paese d’origine e abbiamo stabilito un’aliquota fiscale globale effettiva del 26% negli ultimi 10 anni”.

È proprio questo il problema: trasferire tutti gli utili maturati nell’Ue in un solo Stato membro, come ad esempio Irlanda o Lussemburgo, con i quali è stata fissata un’aliquota fiscale favorevole.

Per risolvere il nodo, la Commissione Europea ha provato invano a introdurre una nuova regolamentazione. Così alcuni Paesi, tra i quali Italia, Francia, Regno Unito e Austria, hanno deciso (o stanno valutando) di muoversi auonomamente.

Ma, piuttosto che aspettarsi dalle multinazionali comportamenti che non siano mirati all’elusione fiscale, non sarebbe più logico attendersi dai membri dell’Ue pratiche più corrette evitando di stringere accordi individuali con le multinazionali?

Fonte

Articoli correlati

Governo perde maggioranza al Senato. Boom dei populisti

quoted business

Olanda, governo perde maggioranza al Senato. Boom dei populisti

Strategie & Regole
Secondo quoted business
Brexit: Unilever trasferisce la sede legale londinese a Rotterdam

Brexit, effetti collaterali: Unilever trasferisce la sede legale londinese a Rotterdam

Corporate

Shell, utili record: +36%

Gli utili del colosso petrolifero anglo-olandese Royal Dutch Shell salgono del 36% a 21,4 miliardi di dollari nel 2018 rispetto all’anno precedente. La notevole performance di bilancio è stata possibile grazie al taglio dei costi e all'aumento dei prezzi sia del greggio, sia del gas negli ultimi tre mesi del 2018. Agli inizi di ottobre il valore di un barile di greggio era salito a 86 dollari, prima di crollare successivamente a circa 50 e, infine, recuperare intorno ai 60. [continua ]

Energie & Risorse
Nasce a Rotterdam la prima fattoria galleggiante al mondo

Nasce a Rotterdam la prima fattoria galleggiante al mondo

Planet
Riciclaggio e corruzione, ammenda da 675 mln di euro per Ing

Riciclaggio e corruzione, la banca olandese Ing condannata a pagare un'ammenda da 675 mln di euro

Moneta & Mercati

Levi Strauss torna per la seconda volta a Wall Street: volano i jeans

Un ritorno storico. I jeans Levi Strauss sono di nuovo a Wall Street: il 21 marzo si è consumato il secondo atto sulla Borsa americana, dopo quello avviato nel 1971 e terminato con il delisting nel 1984. Il prezzo ottenuto dall'azienda è stato superiore alle attese. E sul mercato il titolo è andato oltre. È partito da 17 dollari per azione, sopra la forchetta indicata che andava da 14 a 16 dollari. [continua ]

Corporate

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com