Fisco, Google ha trasferito 20 mld dai Paesi Bassi alle Bermuda

La rivelazione del quotidiano finanziaro olandese "fd". La multinazionale prova ad abbozzare una difesa

Fisco, Google ha trasferito 20 mld alle Bermuda

Google ha trasferito nel 2017 ricavi per 19,9 miliardi di euro da una controllata irlandese a una società olandese senza dipendenti e, quindi, alle Bermuda, evitando così di dover pagare mld in tasse.

La multinazionale, sussidiaria di Alphabet, ha spostato in quello che è di fatto un paradiso fiscale ben 4 miliardi in più rispetto al 2016. Le cifre provengono dai conti annuali della società olandese Google Netherlands Holding, depositati presso la Camera di commercio olandese alla fine del 2018.

“Paghiamo tutte le tasse dovute e rispettiamo le norme fiscali di tutti i Paesi in cui operiamo in tutto il mondo”, dichiara Google in un comunicato. Poi, il colosso ammette: “Google, come altre società multinazionali, paga la maggior parte delle imposte sul reddito nel suo Paese d’origine e abbiamo stabilito un’aliquota fiscale globale effettiva del 26% negli ultimi 10 anni”.

È proprio questo il problema: trasferire tutti gli utili maturati nell’Ue in un solo Stato membro, come ad esempio Irlanda o Lussemburgo, con i quali è stata fissata un’aliquota fiscale favorevole.

Per risolvere il nodo, la Commissione Europea ha provato invano a introdurre una nuova regolamentazione. Così alcuni Paesi, tra i quali Italia, Francia, Regno Unito e Austria, hanno deciso (o stanno valutando) di muoversi auonomamente.

Ma, piuttosto che aspettarsi dalle multinazionali comportamenti che non siano mirati all’elusione fiscale, non sarebbe più logico attendersi dai membri dell’Ue pratiche più corrette evitando di stringere accordi individuali con le multinazionali?

Fonte

Articoli correlati

Nuova operazione per EssilorLuxottica: acquisita l’olandese GrandVision

Il colosso degli occhiali nato dalla fusione della società francese (Essilor) con il gruppo di Agordo (Luxottica) ha messo le mani sulla catena olandese GrandVision. L’azienda dei paesi Bassi è valutata 7,1 miliardi di euro. Il gruppo acquirente pagherà 28 euro per azione, per rilevare la quota in mano al fondo d'investimento HAL che equivale al 77%. A seguito dell'accordo, EssiLux dovrà lanciare un'offerta sul resto delle azioni di GrandVision. [continua ]

Corporate

L’Olanda rinuncia al doppio nome: ora si chiama solo ‘Paesi Bassi’

Dallo scorso primo gennaio l’Olanda ha cambiato nome: lo Stato dell’Ue sarà promosso nel mondo solamente come ‘Netherlands’, Paesi Bassi in italiano. La decisione del governo era stata anticipata ad ottobre ed è stata accompagnata dalla presentazione del nuovo logo che contiene un tulipano stilizzato fra le lettere N e L, sigla internazionale che sta proprio per Netherlands. [continua ]

Strategie & Regole
Sono diventati un narco-Stato?

L’Olanda è diventata un narco-Stato?

Global
Milioni di hamburger da una sola mucca

RSI

Milioni di hamburger da una sola mucca

Life

L’elettrico è già superato? Nasce l’auto a energia solare

Lo ha messo a punto la start-up olandese Lightyear e si chiama “One”: è il prototipo del veicolo elettrico alimentato anche ad energia solare svelato nei giorni scorsi. Sulle sua carrozzeria sono presenti 5 metri quadrati di pannelli solari, che nelle belle giornate forniscono 12 km di autonomia all’ora. Il modello di serie dovrebbe arrivare sul mercato dal 2021. [continua ]

Mobilità
Europee: laburisti primi. Non sfondano i populisti

quoted business

Europee, Olanda: laburisti primi. Non sfondano i populisti

Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com