-101 mila occupati nel primo trimestre. Ma l’emergenza è cominciata a marzo

Osservando l’andamento del dato soprattutto a marzo (quando è esploso il Covid in Italia) quello sul secondo trimestre non potrà che essere ben peggiore

-101 mila occupati nel primo trimestre. Ma l’emergenza è cominciata a marzo

Nel primo trimestre del 2020, il numero di persone occupate diminuisce di 101 mila unità (-0,4%) rispetto al trimestre precedente. Alla crescita dei dipendenti a tempo indeterminato (+50 mila, +0,3%) si contrappone la rilevante diminuzione di quelli a termine (-123 mila, -4,1%) e quella, meno accentuata, degli indipendenti (-28 mila, -0,5%).

Il numero di inattivi di 15-64 anni aumenta di 290 mila rispetto allo stesso trimestre 2019 (+2,2%) e di questi per circa 260 mila il motivo per cui non si è cercato lavoro è riconducibile all’emergenza Covid. Il totale degli inattivi risulta pari a 13 milioni 540 mila.

L’Istat sottolinea che le dinamiche del mercato del lavoro nel primo trimestre risentono, a partire dall’ultima settimana di febbraio, “delle forti perturbazioni indotte dall’emergenza sanitaria”. Ciò’ significa che i dati relativi al secondo trimestre (che volge al termine) saranno ben peggiori di quelli rilevati nei primi tre mesi dell’anno.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Il tasso dei disoccupati (reali) è al 14,5%. Non al 9,2% come dice l’Istat

Il tasso dei disoccupati (reali) è al 14,5%. Non al 9,2% come dice l’Istat

Jobs & Skills
Aumentano gli occupati ma solo 1 su 8 è a tempo indeterminato

Italia, aumentano gli occupati ma solo 1 su 8 è a tempo indeterminato

Jobs & Skills

Crescono gli inattivi in Italia. E la disoccupazione giovanile resta altissima

Il problema è che, in seguito all’impatto dei fondi del Next Generation Eu sul mercato del lavoro, il Pnrr dovrebbe portare a un aumento di ‘appena’ 240 mila occupati nei prossimi 5 anni. Come mai, rispetto agli investimenti programmati, il nostro paese a confronto con quelli comunitari sia quello che creerà meno occupazione? [continua ]

Jobs & Skills

Italia, da febbraio persi 600 mila occupati

Da febbraio 2020 il livello dell’occupazione è sceso di circa 600 mila unità e le persone in cerca di lavoro sono diminuite di 160 mila, a fronte di un aumento degli inattivi di oltre 700 mila unità. Lo rileva l’Istat, proponendo il confronto con il periodo appena precedente all’esplosione della pandemia. A rendere il quadro ancora più nero è il Censis-Confcooperative. Con l’emergenza provocata dal Coronavirus sono 2,1 milioni in più le famiglie italiane a rischio povertà assoluta. [continua ]

Jobs & Skills
Primo maggio, festa del lavoro che non c’è. Pesano gli inattivi: sono 14 ml

Primo maggio, la festa del lavoro che non c’è. Pesano gli inattivi: sono 14 mln

Jobs & Skills
945 mila occupati in meno in un anno

945 mila occupati in meno in un anno

Jobs & Skills

Indicatori

Crediti deteriorati

L'andamento dei crediti deteriorati dal 2005 al 2020 in Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna in rapporto al totale dei crediti erogati

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com