Nel 2020 sfumati 1,4 mln di contratti di lavoro

Ma le aziende non trovano il 30% dei profili di cui hanno bisogno

Nel 2020 sfumati 1,4 mln di contratti di lavoro

Sono sfumati circa 1,4 milioni di contratti di lavoro inclusi quelli stagionali e di collaborazione. Dati che arrivano dal Bollettino 2020 del Sistema Informativo Excelsior di Unioncamere e Anpal, che monitora i flussi annuali di entrata nelle imprese, ma anche le competenze richieste dal mercato del lavoro.

E qui sorge un problema: nonostante la contrazione dell’occupazione, è salita al 30% la difficoltà di reperimento dei profili ricercati. Quel noto mismatch tra domanda e offerta che la pandemia non ha fatto altro che acuire: nel 2019 era al 26%.

Così, bloccati dalle restrizioni, in molti si sono rivolti al digitale e la svolta sembra ormai irreversibile. Oggi su dieci professionalità ricercate, sei sono in qualche modo legate, appunto, al digitale.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com