Il blocco dei licenziamenti? Un’operazione più politica che economica

È la posizione dell’economista Emiliano Brancaccio: “L’occupazione è crollata comunque, ma chi vuole i licenziamenti fa una battaglia contro ogni vincolo legislativo e a favore dell’ideologia del libero mercato”.

Il blocco dei licenziamenti? Un’operazione più politica che economica

“La scelta di prolungare o meno il blocco dei licenziamenti di sessanta giorni, da fine giugno o da fine agosto, non è decisiva. Anche se si è reso necessario in questi mesi di pandemia, il blocco è avvenuto in un mercato del lavoro colabrodo. È l’effetto del precariato che ha provocato una caduta degli indici di protezione del lavoro del 17% per i licenziamenti collettivi e del 36% per i contratti temporanei”. Lo sostiene Emiliano Brancaccio, economista dell’università del Sannio.

Bankitalia tuttavia sottolinea che sono stati salvati grazie al blocco almeno 200 mila posti di lavoro. “A livello macroeconomico non è una grande cifra. Nel complesso, la perdita di posti di lavoro è fino a quattro volte superiore.”

Dunque – secondo Brancaccio – la scelta del blocco ha più un valore ideologico che altro: “Perché è in corso una battaglia ideologica in nome della solita vecchia tesi: qualsiasi vincolo legislativo va rimosso per favorire il processo di distruzione creatrice del libero mercato. Questa teoria è stata sostenuta anche da Draghi, al vertice di Porto, quando ha dichiarato che la legislazione del lavoro protegge i garantiti e pregiudica l’efficienza e la crescita.”

In realtà, questa idea è stata smentita dall’evidenza empirica. “L’88% dei paper dell’ultimo decennio ha smentito l’idea che precarizzare il lavoro favorisca l’occupazione. È un risultato talmente consolidato che negli ultimi anni è stato riconosciuto persino da istituzioni liberiste come Ocse, Banca mondiale e Fmi.”

Ecco allora che dopo trent’anni e più di precarizzazione totale è difficile immaginare che la stessa classe dirigente possa pensare a soluzioni radicalmente diverse. “Si resta attestati alle solite politiche – aggiunge -. Invece di innalzare tutte le protezioni si tende a precarizzare i lavoratori a tempo indeterminato per renderli simili alle partite Iva e ai temporanei, che ne hanno pochissime. È una gara al ribasso che non favorisce nemmeno la crescita dell’occupazione.”

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com