Smontato un falso mito, il salario minimo non riduce l’occupazione

Anche nelle regioni dove i salari sono più bassi, il salario minimo è stato introdotto senza causare modifiche ai livelli occupazionali. Ciò sembra suggerire che i lavoratori venivano sottopagati

Smontato un falso mito, il salario minimo non riduce l’occupazione

Contrariamente ad un’idea piuttosto diffusa, l'introduzione del salario minimo a livello nazionale non ha determinato in Germania l’aumento della disoccupazione. È quanto sostiene uno studio della London School of Economics and Political Science.

Salario minimo: 8,50 euro l’ora

Nel gennaio 2015 il salario minimo federale è stato introdotto in tutti i 16 stati federali della più grande economia europea: da quel momento le imprese tedesche devono riconoscere ai lavoratori almeno 8,50 euro l'ora.

Timori infondati

I ricercatori hanno concluso che le paure connesse ad un possibile aumento della disoccupazione e della migrazione interna si sono rivelati infondati, in quanto i salari dei lavoratori erano probabilmente inferiori al tasso di mercato. Il sospetto è spiegato dal fatto che le imprese hanno assorbito il più elevato costo della manodopera senza ricorrere a licenziamenti.

Smentita teoria del mercato del lavoro

Anche nelle regioni dove i salari sono più bassi, il salario minimo è stato introdotto senza causare modifiche ai livelli occupazionali. Ciò suggerisce che i lavoratori venivano sottopagati. L'esperienza tedesca sembra, così, sfidare la teoria del mercato del lavoro secondo cui l’incontro tra domanda e offerta di lavoro garantisce che i salari siano fissati ad un un livello di equilibrio in base alla produttività.

Fonte

Articoli correlati

Germania: verso la recessione, ma la disoccupazione scende al 4,9%. Per ora

Nella prima economia europea, afflitta da una crescita economica anemica, la disoccupazione continua a scendere e a settembre ha fatto registrare il 4,9% (pari a 2,23 milioni di tedeschi). È il miglior settembre dalla riunificazione della Germania nel 1990. Ma non è tutto oro ciò che luccica. Il tasso di disoccupazione normalmente a settembre (di ogni anno) scende, poiché più persone vengono assunte dopo la stagione estiva. [continua ]

Jobs & Skills
Disoccupazione, scende a livelli record: 5,2%. Mai così bassa dal 1991

Il tasso di disoccupazione scende a livelli record in Germania: 5,2%. Mai così bassa dal 1991

Jobs & Skills

Si riduce la disoccupazione ma scendono anche le ore lavorate

Nel secondo trimestre dell'anno, l'Istat traccia - nei confronti del primo periodo del 2019 - una riduzione degli inattivi, cioè coloro che non hanno lavoro né lo cercano, con il tasso dei senza lavoro che scende al 9,9% e un leggero aumento dell'occupazione (+0,6%). Significa 130 mila occupati in più: salgono i dipendenti, sia a termine che permanenti, e in misura minore anche gli indipendenti. [continua ]

Jobs & Skills
Tasso di disoccupazione al minimo da 26 anni: 2,2%

Giappone, tasso di disoccupazione al minimo da 26 anni: 2,2%

Jobs & Skills
L'economia rallenta ma la disoccupazione è al minimo storico: 6,3%

Ue, l’economia frena ma la disoccupazione è al minimo storico: 6,3%

Ue
Jobs & Skills
Disoccupazione, nuovo record. Mai così bassa dal 1977

Disoccupazione, nuovo record. In Italia mai così bassa dal 1977

Jobs & Skills

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com