Gas, il piano di Biden per rifornire l’Europa

Dagli Usa 15 miliardi di metri cubi entro fine anno. I timori della Germania. Fino al 2025 i prezzi del gas non scenderanno. Si intensifica, intanto, l’isolamento energetico della Russia anche sul fronte asiatico

Gas, il piano di Biden per rifornire l’Europa

Gli Usa aumenteranno le forniture di gas naturale liquefatto all’Ue. Secondo quanto riportato dal Financial Times, gli Stati Uniti hanno un piano per fornire fino a 15 miliardi di metri cubi di Gnl entro la fine del 2022 così da aiutare l’Ue a ridurre la sua dipendenza dalla Russia.

I paesi dell’Ue importano il 90% del gas naturale utilizzato per generare elettricità, riscaldare le abitazioni e fornire l’industria, con la Russia che fornisce quasi il 40% e un quarto del suo petrolio. Bruxelles sta ora cercando modi per ridurre la sua dipendenza dal gas russo diversificando i fornitori.

In Germania, intanto, la situazione dell’approvvigionamento di gas naturale sta per deteriorarsi e, secondo quanto riporta Bloomberg, un importante gruppo energetico tedesco ha esortato il governo di Berlino a emettere il primo livello di allerta nel suo piano di emergenza. La Bdew, che rappresenta i principali fornitori di gas ed elettricità della Germania, ha affermato di non poter escludere interruzioni delle forniture, come conseguenza della richiesta da parte di Vladimir Putin del pagamento in rubli.

Secondo Goldman Sachs, più che un aumento della produzione statunitense, Washington penserebbe a dirottare verso l’Europa un quantitativo di gas naturale liquefatto sufficiente ad aiutare l’Europa a ricostituire le sue scorte a livelli di sicurezza prima del prossimo inverno. L’incognita, ora, però, è che il flusso di gas dalla Russia possa interrompersi, dopo l’acuirsi della crisi anche a seguito della richiesta di Vladimir Putin di essere pagato in rubli. La banca statunitense, tuttavia, nota che è poco probabile che le forniture Usa saranno in grado di limitare la crescita dei prezzi del gas, finché non ci sarà una significativa crescita delle catene di fornitura globali. Scenario previsto per il 2025.

Si intensifica, intanto, l’isolamento energetico della Russia anche sul fronte asiatico. Una utility regionale nipponica ha pubblicato una gara d’appalto per l’acquisto di una spedizione di gas naturale liquefatto con una clausola che richiedeva che il carico non provenisse dalla Russia, in quella che potrebbe essere la prima gara di Gnl a vietare specificamente lo “stato paria”, scrive Bloomberg. Tohoku Electric Power Co. sta cercando un carico di Gnl spot per la consegna da aprile a maggio con porti di carico che escludano la Russia. La società ha bisogno di più Gnl poiché un terremoto la scorsa settimana ha messo fuori servizio una centrale elettrica a carbone, aumentando la sua dipendenza dalla produzione di gas.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

quoted business

A giugno, per la prima volta nella storia, i paesi dell’Ue hanno importato più gas naturale liquefatto dagli Usa che dalla Russia

Gazprom: stop al gasdotto Nord Stream per 10 giorni [continua ]

Energie & Risorse
Acqua, siamo alla canna del gas. Ma in questo caso la Russia non c’entra

Acqua, siamo alla canna del gas. Ma in questo caso la Russia non c’entra

Energie & Risorse

La Cina potrebbe fare con il resto del mondo quello che la Russia sta facendo contro l’Europa

Pechino detiene il 93% delle scorte mondiali di rame, il 74% di quelle di alluminio, il 68% di quelle di mais e il 51% di quelle di frumento. Eppure l’attività estrattiva in Cina è limitata. Come si spiega allora questo dominio? [continua ]

Energie & Risorse
quoted business

Draghi: “Accordo con l’Algeria su energia e gas”. La risposta del governo italiano alla dipendenza da Mosca (passando da una dittatura a un’altra)

Draghi, Di Maio, Cingolani e Descalzi in missione ad Algeri centrano l’obiettivo di sostituire un terzo del gas russo: assicurati 9 mld di metri cubi aggiuntivi attraverso il gasdotto TransMed. Il problema però non è diversificare a prescindere. L’accordo con il paese nordafricano aggira l’ostacolo, non lo risolve: gli oligarchi algerini sono forse tanto meglio di quelli russi? [continua ]

Energie & Risorse
Gas, l’aiuto degli Usa costa caro all’Ue. Che ora guarda all’Africa

Gas, l’aiuto degli Usa costa caro all’Ue. Che ora guarda all’Africa

Energie & Risorse
Ucraina, Biden in pressing sul Qatar: “In caso di guerra più gas all’Ue”

Biden in pressing sul Qatar: “In caso di guerra in Ucraina più gas all’Europa”

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com