431 petroliere russe sono scomparse dai radar: dove sono finite?

Ecco come Mosca continua ad esportare petrolio, nonostante le sanzioni

431 petroliere russe sono scomparse dai radar: dove sono finite?

L’Ue ha solo nei giorni scorsi trovato l’accordo tra i 27 paesi membri in merito all’embargo sul petrolio russo. Ma Australia, Canada, Regno Unito e Stati Uniti già da tempo sono andate in quella direzione. Nonostante ciò, il greggio di Mosca continua a entrare nei porti di tutto il mondo. Sia che siano state introdotte delle sanzioni, sia in caso contrario.

Non è un caso il fatto che la Russia abbia aumentato le sue vendite di petrolio. Nel mese di aprile, le esportazioni di petrolio dai porti russi verso quelli europei hanno raggiunto una media di 1,6 milioni di barili al giorno, rispetto a un milione registrato a marzo. Così, dall’inizio dell’invasione in Ucraina, la Russia ha incassato dall’esportazione di gas, carbone, e petrolio in Europa il doppio rispetto allo stesso periodo 2021.

Dietro questo flusso c’è tuttavia un mercato poco trasparente. Le petroliere russe, infatti, hanno messo a punto una serie di trucchi per poter esportare il greggio. Il primo tra questi sistemi di aggiramento consiste nel trovare una bandiera di comodo. Secondo il Polish Economic Institute, infatti, le petroliere russe starebbero cercando di aggirare le restrizioni di mercato affidandosi ai paradisi fiscali.

Il think tank polacco ha denunciato la scomparsa dai radar, il 5 aprile, di ben 431 petroliere russe su 710 registrate in partenza dai porti. Certo, potrebbe trattarsi di guasti. Oppure - come sostengono dal Polish Economic Institute - di “una disconnessione deliberata dei sistemi di localizzazione”.

Una volta sparite dai radar, le petroliere richiederebbero la procedura di trasferimento formale e una nuova registrazione nei paradisi fiscali che offrono le cosiddette ‘bandiere di comodo’. Delle circa 30mila petroliere registrate nel mondo, il 20% batte bandiere di Panama, isole Marshall, Liberia, Saint Vincent e Grenadine E ben il 43% delle grandi petroliere mondiali risulta registrato nelle Isole Marshall (680), in Liberia (610) e a Panama (318).

Rendendo ignota la provenienza della nave verrebbe occultato anche il suo contenuto: così il petrolio russo potrebbe fare ingresso nell’Ue facilmente, nonostante le sanzioni. Come ipotizzato in un’inchiesta del Wall Street Journal – e si passa così al secondo trucco – molte consegne avvengono attraverso petroliere con destinazione ignota. Una volta al largo, il petrolio viene trasferito su navi più grandi, dove il greggio russo verrebbe mischiato ad altro petrolio, confondendone l’origine. TankerTrackers sostiene che nella prima metà di aprile siano stati caricati più di 11,1 milioni di barili su petroliere senza rotta, mentre prima dell’invasione il fenomeno praticamente non esisteva.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Il petrolio potrebbe salire fino a 380 dollari al barile

Il G7 si è detto favorevole alla fissazione di un limite superiore al prezzo del petrolio. Ma l’iniziativa sarà inutile, qualora la Russia decidesse di interrompere la fornitura di petrolio all’Ue. Mosca può permettersi di ridurre la produzione giornaliera di greggio fino a 5 milioni di barili senza danneggiare eccessivamente la sua economia. E in tale caso il prezzo dell’oro nero potrebbe arrivare a sfiorare i 400 dollari, mandando in recessione mezzo mondo. [continua ]

Energie & Risorse
quoted business

A giugno, per la prima volta nella storia, i paesi dell’Ue hanno importato più gas naturale liquefatto dagli Usa che dalla Russia

Gazprom: stop al gasdotto Nord Stream per 10 giorni [continua ]

Energie & Risorse

La Cina potrebbe fare con il resto del mondo quello che la Russia sta facendo contro l’Europa

Pechino detiene il 93% delle scorte mondiali di rame, il 74% di quelle di alluminio, il 68% di quelle di mais e il 51% di quelle di frumento. Eppure l’attività estrattiva in Cina è limitata. Come si spiega allora questo dominio? [continua ]

Energie & Risorse
La Russia supera l’Arabia Saudita

La Russia supera l’Arabia Saudita

Energie & Risorse
Frase del giorno - Numeri

Nei primi cinque mesi del 2022, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, Gazprom ha aumentato del 67,5% le forniture di gas alla Cina.

Energie & Risorse
Frase del giorno - Numeri

Negli anni ‘90 il nucleare ricopriva il 16% del fabbisogno energetico globale. Oggi è al 10%. E i costi del fotovoltaico sono scesi del 90%, ma non è accaduto con l’atomo.

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com