La Germania ha spento 3 delle sue ultime 6 centrali nucleari

Nel 2021 le sei centrali nucleari hanno contribuito a circa il 12% della produzione di elettricità in Germania. Entro il 2030 Berlino punta a soddisfare l’80% di domanda di energia con le rinnovabili

La prima economia europea ha spento 3 delle sue ultime 6 centrali nucleari

La Germania ha spento tre delle sue ultime sei centrali nucleari. Il governo ha deciso di accelerare l’uscita dall'energia nucleare dopo l’incidente del reattore di Fukushima in Giappone nel 2011, quando un terremoto e uno tsunami hanno distrutto l’impianto costiero nel peggior disastro nucleare del mondo da quello di Chernobyl nel 1986.

I reattori di Brokdorf, Grohnde e Gundremmingen C, operati dalle utility E.On e Rwe, sono stati chiusi il 31 dicembre dopo 35 anni di attività. Le ultime tre centrali nucleari - Isar 2, Emsland e Neckarwestheim II - saranno spente entro la fine del 2022.

“Per decenni abbiamo dato un contributo decisivo alla fornitura di elettricità sicura, rispettosa del clima e affidabile in Germania”, ha detto il ceo di PreussenElektra Guido Knott che gestisce le centrali di Brokdorf e Grohnde.

Nel 2021 le sei centrali nucleari hanno contribuito a circa il 12% della produzione di elettricità in Germania. Ma la prima economia europea ha imboccato un’altra strada: entro il 2030 punta a soddisfare l’80% di domanda di energia con le rinnovabili.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com