Bankitalia: “Irpef poco efficiente e non equa”

Evasi 38 mld di Irpef. Via Nazionale: “La riforma sostenga la crescita: più peso su consumi e ricchezza”

Bankitalia: “Irpef poco efficiente e non equa”

“Il sistema tributario necessita di una riforma ampia e organica. Dovrebbe avere come finalità principale quella di sostenere la crescita, fortemente provata dalla crisi che stiamo vivendo e anche da un lungo ristagno, incentivando l’offerta di lavoro e l’attività di impresa”. È quanto ha detto Giacomo Ricotti, capo del servizio assistenza e consulenza fiscale di via Nazionale.

“L’Irpef presenta diverse criticità dal punto di vista dell’efficienza e dell’equità della tassazione. Fra queste l’andamento delle aliquote marginali effettive e la capacità redistributiva dell’imposta. La riforma dovrebbe evitare di aumentare il livello del prelievo complessivo, già alto. Per favorire la crescita occorrerà muovere verso una ricomposizione del prelievo fiscale a beneficio dei fattori produttivi - ha aggiunto -. Un eventuale taglio delle tasse dovrebbe essere finanziato con prelievi maggiori su ricchezza e consumi.”

“Anche se negli ultimi anni diversi interventi hanno concorso a diminuire il livello dell'imposizione, l’Italia, nel confronto internazionale, si caratterizza ancora per l’alta incidenza del carico fiscale sul capitale e soprattutto sul lavoro – spiega -. Dati i vincoli di bilancio, a parità di spesa pubblica ulteriori riduzioni del prelievo sul lavoro potrebbero essere finanziate attraverso un maggiore carico fiscale sui consumi e sulla ricchezza, considerato meno dannoso per la crescita.”

C’è poi il capitolo dell’evasione. Bankitalia ricorda che “l’evasione relativa all’Irpef ammontava nel 2018 a circa 38 miliardi (il 41% del totale delle imposte evase). Più di quattro quinti erano riconducibili a redditi da lavoro autonomo e di impresa, il resto al lavoro dipendente irregolare.” Un numero importante, dunque, se si considera che nel 2018 il tax gap è stato pari a circa 104,6 mld, di cui 92,3 di mancate entrate fiscali e 12,3 di mancate entrate contributive. A titolo di confronto, i maggiori contributi al tax gap sono dovuti a Iva (circa 33 mld), Ires (circa 9 mld) e Irap (circa 5 mld).

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com