Ecco chi vuole davvero l'austerità e perché

Ecco chi vuole davvero l'austerità e perché
Yanis Varoufakis

Nessuna politica è controproducente durante i periodi di recessione come il perseguimento di un'eccedenza di bilancio allo scopo di contenere il debito pubblico - austerità, in breve. Perché l'austerità è diventata così popolare tra le élite politiche occidentali dopo l'implosione del settore finanziario nel 2008?

Una recessione economica, per definizione, implica una contrazione della spesa del settore privato. Un governo che taglia la spesa pubblica in risposta al calo delle entrate fiscali inavvertitamente deprime il reddito nazionale (che è la somma delle spese private e pubbliche) e, inevitabilmente, le sue entrate. Viene, quindi, meno lo scopo originale di tagliare il deficit.

Chiaramente, ci deve essere un altro motivo, non economico, per sostenere l'austerità. Il che riporta subito la discussione sulle élite politiche. Che Yanis Varoufakis suddivide in tre “tribù”.

La prima considera lo stato come un'azienda o una famiglia che deve stringere la cintura durante i periodi difficili. Trascurando l'interdipendenza cruciale tra la spesa di un governo e le entrate fiscali (da cui le imprese e le famiglie sono invece libere).

La seconda può essere rintracciata all'interno della socialdemocrazia europea, affezionata all’idea di conti pubblici in ordine. Intendiamoci, il che potrebbe anche essere condivisibile ma ciò che conta sono gli effetti dell’austerità, non il principio in quanto tale.

La terza è statunitense. Mentre i thatcheriani britannici e i socialdemocratici tedeschi praticavano l'austerità in un mal concepito tentativo di eliminare il deficit di bilancio del governo, al contrario i repubblicani statunitensi non avevano questa preoccupazione. In questo senso, Donald Trump è un repubblicano in regola. Aiutato dalla esorbitante capacità del dollaro di magnetizzare gli acquirenti del debito del governo degli Stati Uniti, si sente sicuro che più aumenta il deficit del bilancio federale, maggiore è la pressione politica sul Congresso per tagliare la sicurezza sociale, Medicare (l’assicurazione sanitaria introdotta da Barack Obama) e altri diritti.

Ecco allora che, secondo l’ex ministro dell’Economia greco, la solita giustificazione di austerità nasconde in realtà un obiettivo politico più profondo: redistribuire il reddito fra pochi.

Nel frattempo, il capitalismo si è evoluto. La stragrande maggioranza delle decisioni economiche ha smesso da tempo di essere plasmata dalle forze del mercato e ora è presa all'interno di un iper-cartello rigorosamente gerarchico delle multinazionali. Il risultato è l’aumento della disuguaglianza e dell'instabilità cronica a livello globale.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com