Nei ‘Pandora Papers’ anche società offshore di Mancini e Vialli

L’Espresso pubblica le nuove carte dell’inchiesta internazionale

Nei ‘Pandora Papers’ anche società offshore di Mancini e Vialli

I Pandora Papers svelano le ricchezze offshore di Roberto Mancini e Gianluca Vialli. È quanto rende noto L’Espresso, sulla base dei dati dell’archivio segreto svelato dall’inchiesta giornalistica internazionale del Consorzio Icij, a cui partecipa anche il settimanale in esclusiva per l’Italia.

I due, rispettivamente allenatore della Nazionale di calcio e capo delegazione degli azzurri a Euro 2020, e già compagni di squadra nella Sampdoria campione d’Italia nel 1991, hanno dunque interessi caraibici. Nei documenti Mancini viene indicato come l’azionista di Bastian Asset Holdings, con sede nel paradiso fiscale delle British Virgin Islands. Vialli è qualificato come proprietario di un’altra società, la Crewborn Holdings, anche questa registrata alle British Virgin Islands.

Secondo i documenti consultati da L’Espresso, la società caraibica di Mancini era proprietaria di un aereo. Lo schermo offshore di Vialli, cittadino britannico ormai da molti anni, è invece servito a gestire una serie di finanziamenti ad attività italiane.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

‘Pandora Papers’, ecco i tesori nei paradisi fiscali di 35 capi di Stato e di governo. E migliaia di vip

Dodici milioni di documenti riservati smascherano le società offshore di politici europei e sudamericani, dittatori africani, ministri asiatici, sceicchi arabi, oligarchi russi, stelle dello sport e spettacolo, generali e big degli affari. L’inchiesta, coordinata dall’International Consortium of Investigative Journalists (che comprende 600 giornalisti e 150 testate) e svelata in Italia da L’Espresso, include i nomi di oltre 29 mila beneficiari. [continua ]

Finanza pubblica

I robot saranno tassati?

La transizione digitale dovrebbe essere gestita, e tassata, insieme ad altre transizioni sociali, ma qualsiasi imposta sulle imprese che sostituiscono i dipendenti con sistemi automatizzati – avverte il think tank Bruegel – dovrebbe essere mirata e attentamente progettata per non soffocare l'innovazione. [continua ]

Finanza pubblica
quoted business

La global tax sulle imprese è una misura gattopardesca. Ecco perché

La decisione di introdurre una tassa minima globale pare al 15%, annunciata dall’Ocse e sostenuta da 136 paesi, sembra prefigurare un cambiamento solo formale, in modo che (quasi) nulla cambi davvero. Fino al paradosso che l’adozione di una tale percentuale minima a livello globale rischia, avverte Joseph Stiglitz, che in realtà diventi quella massima. [continua ]

Finanza pubblica
136 paesi dicono sì alla tassazione minima globale al 15%

136 paesi dicono sì alla tassazione minima globale al 15%

Finanza pubblica
I nomi eccellenti coinvolti nel ‘mondo di mezzo’ della finanza globale

I nomi eccellenti coinvolti nel ‘mondo di mezzo’ della finanza internazionale

Finanza pubblica
Ecco quanti utili spostano nei paradisi fiscali le banche europee

Ecco quanti utili spostano nei paradisi fiscali le banche europee

Finanza pubblica

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com