Negli ultimi 4 anni il debito pubblico degli Usa è aumentato da 7 a 21,6 trilioni di dollari

La prima economia al mondo (ancora non per molto) si avvicina a paesi come Grecia, Italia e Giappone

In 4 anni il debito pubblico è aumentato da 7 a 21,6 trilioni di dollari
Yanet Yellen

Una grande domanda aleggia su Janet Yellen, il neo ministro dell’Economia. Fino a che punto può crescere il debito pubblico degli Stati Uniti? Negli ultimi quattro anni, il debito pubblico degli Usa è aumentato da 7 trilioni di dollari a 21,6 trilioni.

Il neo presidente Joe Biden si è inoltre impegnato in un programma di spesa che potrebbe aggiungere altri trilioni al debito pubblico. Il punto è che in rapporto al Pil è già al 100,1% e avvicina la prima economia al mondo a paesi come Giappone, Grecia, e Giappone.

E pensare che durante l’amministrazione Clinton Yellen, quando era a capo del Consiglio dei consulenti economici della Casa Bianca, spingeva per raggiungere il pareggio di bilancio.

Oggi, invece, l’ex governatrice della Federal Reserve aderisce all’idea che è necessario un maggiore indebitamento a breve termine per aiutare l'economia, anche in assenza di piani concreti per ripagarlo.

A questo punto molto dipenderà dall’andamento dei tassi di interesse. Se dovessero tornare a salire, il debito pubblico rischia di diventare una bomba a orologeria.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com