La guerra del grano e il protezionismo alimentare

L’indice Fao, che traccia i prezzi del cibo nel mondo, ha toccato il valore massimo dal 1990. Per ogni punto percentuale di aumento dei prezzi alimentari, 10 milioni di persone nel mondo finiscono in condizioni di estrema povertà

La guerra del grano e il protezionismo alimentare

Il prezzo del grano è ai massimi degli ultimi due mesi. Il 16 maggio alla borsa di Chicago i futures sul cereale sono tornati sopra quota 12 dollari al bushel, segnando +50% rispetto a inizio anno. Pesa la decisione dell’India, secondo produttore di grano al mondo (e settimo esportatore), di bloccare il suo export.

Neanche una parziale retromarcia del secondo paese più popoloso al mondo – con l’introduzione di eccezioni al ban per i paesi più vulnerabili – è riuscita a calmare i mercati, preoccupati dal fatto che, oltre all’India, 22 paesi stanno ricorrendo a misure protezionistiche per salvaguardare la sicurezza alimentare interna. L’Indonesia ha bloccato l’export di olio di palma, di cui è la principale produttrice globale. Cina e Russia quello di fertilizzanti.

E poi c’è la guerra. A causa dell’invasione, il 20-30% dei terreni agricoli ucraini rimarrà non coltivato o non raccolto. Ma l’offerta di grano mondiale arranca anche perché 25 milioni di tonnellate (pari al 13% delle esportazioni globali) restano ferme in Ucraina per il blocco navale russo dei porti sul Mar Nero.

Il conflitto e le sanzioni alla Russia impediscono così traffici alimentari pari a un decimo di tutte le calorie scambiate a livello globale. Non una bella notizia per i 26 paesi del mondo che importano più della metà dei loro cereali da Russia e Ucraina.

Gli incrementi di prezzo delle materie prime inevitabilmente si riflettono in un rincaro dei prodotti alimentari. L’indice Fao, che traccia i prezzi del cibo nel mondo, ha toccato il valore massimo dal 1990, anno in cui sono cominciate le rilevazioni. Un trend allarmante, se si considera che per ogni punto percentuale di aumento dei prezzi alimentari, 10 milioni di persone nel mondo finiscono in condizioni di estrema povertà.

Insomma, ai livelli attuali il numero di persone che vive in estrema povertà potrebbe crescere del 50%, da 600 a 900 milioni. E a pagarne le conseguenze sarebbero soprattutto le economie in via di sviluppo, dove la popolazione spende almeno la metà del proprio reddito per l’alimentazione.

Nel 2011 gli alti prezzi del pane furono fra le concause delle cosiddette Primavere arabe. Oggi, che sono superiori del 20% rispetto ad allora, cosa accadrà?

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Grano, 2,5 miliardi di persone dipendono da 3 paesi esportatori

Grano, 2,5 miliardi di persone dipendono da 3 paesi esportatori

Life
Ucraina e Russia forniscono più di un 1/3  dell’export globali di grano

Ucraina e Russia forniscono più di un 1/3 delle esportazioni globali di grano

Life

Non solo gas. Il sadomasochismo dell’Occidente (che avvantaggia la Cina). Volano i prezzi di grano e mais

I presunti venti di guerra fanno volare le quotazioni internazionali di grano per il pane e mais per l’alimentazione animale. L’Ucraina è il quinto paese al mondo per la produzione di mais e settimo per quella di grano. Una emergenza globale che riguarda anche l’Italia che è un Paese deficitario ed importa (soprattutto da Kiev) il 64% del proprio fabbisogno di grano per la produzione di pane e biscotti. [continua ]

Life

Per vedere una foto di ciascun abitante sulla Terra per un secondo occorrono 253 anni

La popolazione mondiale ha raggiunto quota 8.000.000.000 di persone. L’India si accinge a superare la Cina. Nel 2037 il numero salirà a 9 miliardi, ma il tasso di crescita sta rallentando. Il mondo potrebbe presto scoprire che il vero problema sarà la decrescita demografica. [continua ]

Life

L’ipocrita doppio standard europeo sui pesticidi

L’Europa li vieta, ma continua a produrli e a venderli ai paesi in via di sviluppo. Che spesso esportano i loro prodotti agricoli nei paesi ricchi. E qui il cerchio si chiude: i pesticidi sono bannati dall’Ue, ma i cittadini europei finiscono per mangiarli lo stesso (almeno in parte). [continua ]

Life
Gobba, mano ad artiglio e cervello piccolo: tra mille anni saremo così

Gobba, mano ad artiglio e cervello piccolo: tra mille anni saremo così

Life

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com