L’India vieta l’export di cipolle

Il governo Modi ha vietato le esportazioni dell’ingrediente base della cucina indiana nel tentativo di arginare la crescita incontrollata dei prezzi. La questione è delicata e ciclica: in passato alcuni esecutivi sono caduti proprio a causa dell’ortaggio

New Delhi vieta l’export di cipolle

La cipolla è un ingrediente base nella cucina Indiana. E per questo è anche l'ortaggio più sensibile dal punto di vista politico nel Subcontinente. In passato più di un governo in India è caduto in seguito all’aumento incontrollato del prezzo della cipolla.

Non sorprende, quindi, che il premier Modi stia cercando di “gestire” una nuova ascesa dei prezzi. Così l’India, che è uno dei principali esportatori di cipolle al mondo (ma soltanto il 10-12% della produzione è venduto all’estero), ha vietato l’export di ortaggi e ha imposto restrizioni alle scorte concesse agli esercizi commerciali nel tentativo di raffreddare i prezzi. I prezzi al dettaglio delle cipolle si aggirano intorno alle 60-80 rupie (circa 1 euro) per kg, meno di un anno dopo la vertiginosa caduta dei prezzi delle cipolle scesi a 1 rupia per kg.

L’ultima mossa del governo fa parte di quello che è ormai diventato un circolo vizioso: i prezzi delle cipolle salgono a causa di qualche avversità meteoreologica, il governo risponde imponendo restrizioni alle esportazioni, i prezzi si stabilizzano, l’eccesso di offerta fa precipitare i prezzi spingendo gli agricoltori a chiedere aiuto al governo, le autorità allentano le restrizioni sull’export, i prezzi tornano a crescere. E il circolo si ripete.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Ucraina e Russia forniscono più di un 1/3  dell’export globali di grano

Ucraina e Russia forniscono più di un 1/3 delle esportazioni globali di grano

Life
Gli Stati Uniti superano la Cina come primo partner commerciale di Delhi

Gli Stati Uniti superano la Cina come primo partner commerciale dell’India

Global

L’India approfitta delle sanzioni contro la Russia: compra petrolio a buon mercato e lo rivende all’Europa raffinato e più costoso

Le sanzioni europee contro la Russia stanno alterando l’assetto dell’economia globale. E mettono in evidenza due importanti paradossi. Primo: se l’obiettivo è davvero annientare l’economia russa solo con il gas, non con il petrolio, è possibile. Secondo: se non si introducono sanzioni secondarie, a rimetterci sono anche, e forse soprattutto, i paesi che hanno introdotto le sanzioni stesse. [continua ]

Energie & Risorse

Inflazione e psicologia. Perché in Giappone i prezzi al consumo non salgono

L’indice dei prezzi al consumo in Giappone è salito del 2,5% ad aprile rispetto a un anno prima, ma escludendo l’impatto di beni alimentari ed energia, i prezzi sono aumentati solo dello 0,8% rispetto all’anno precedente. La mentalità deflazionistica nipponica tende a scaricare la pressione in altre direzioni. [continua ]

Moneta & Mercati
Senza ossigeno e con gli ospedali pieni: verso 500 mln di contagiati?

L’India senza ossigeno e con gli ospedali pieni: verso mezzo miliardo di contagiati?

Life
Nuovo record mondiale di casi

India, nuovo record mondiale di casi

Life

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com