Post Merkel. Il ministro della Salute Spahn punta alla cancelleria

Manovre del ministro in vista del congresso della Cdu del 15 e 16 gennaio

Post Merkel. Il ministro della Salute Spahn punta alla cancelleria
Jens Spahn

Jens Spahn è al centro dell’attenzione in Germania. Il ministro tedesco della Sanità avrebbe dato il via alle manovre per essere il prossimo candidato cancelliere dei cristiano-democratici. Lo scrivono, in particolare, Spiegel e Bild: sull’onda di una popolarità in crescita, favorita dalla sua gestione della crisi da coronavirus, il 40enne Spahn ha sondato presso molti ‘big’ della Cdu (il partito di Angela Merkel) la possibilità di condurre in prima persona la corsa alla cancelleria per le elezioni federali del 26 settembre.

La questione è scottante. Tra pochi giorni (il 15 e il 16 gennaio) si tiene il congresso nazionale del partito che fu di Adenauer e Kohl, dove i 1001 delegati sono chiamati a eleggere il successore di Annegret Kramp-Karrenbauer, la delfina ‘fallita’ di Merkel dimissionaria dallo scorso febbraio.

I candidati ufficiali alla leadership della Cdu sono l’iper-liberista Friedrich Merz, il presidente della Commissione Esteri ed il governatore del Nord-Reno Vestfalia Armin Laschet. Spahn è in corsa solo come ‘secondo’, nel senso che se sarà Laschet a vincere, il ministro alla Salute sarà il suo vice.

In realtà le ambizioni di Spahn sarebbero ben maggiori, forte dei sondaggi che lo danno vincitore di numerosi punti su tutti i tre i candidati alla guida della Cdu.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com