Austria: è il primo paese Ue a vietare il glifosato

Misura approvata con i voti dei socialisti e della destra del Fpoe

È il primo paese Ue a vietare il glifosato

La Camera dei deputati austriaca ha votato a favore del divieto totale del discusso diserbante usato in agricoltura, il glifosato.

La proposta del Spoe, il partito socialista austriaco, è stata sostenuta anche dal Fpoe, il partito di destra guidato da Norbert Hofer. La fase di transizione in Austria permette la creazione di maggioranze a geometria variabile e questo "è un segno della vivacità della democrazia", ha commentato la cancelliera Brigitte Bierlein.

Greenpace ha definito la pronuncia "un successo storico". Dopo il voto ora la palla torna alla Commissione europea che ha tre mesi per approvare o respingere la decisione.

Il glifosato è stato originariamente sviluppato dal gigante chimico Monsanto, società Usa poi acquistata nel 2018 da Bayer. L'erbicida è sul mercato sotto il nome di Roundup dal 1974. E, dopo la scadenza del brevetto, varie aziende hanno cominciato a produrre diserbanti a base di glifosato con nomi differenti. È tuttavia il colosso tedesco il bersaglio principale. Solo negli Stati Uniti le cause di risarcimento del danno sono 13 mila.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com