AstraZeneca, in fase 3 il vaccino è efficace al 79%

È quanto emerge dalla sperimentazione in corso negli Usa. Lo studio non ha riscontrato un aumento del rischio di trombosi

AstraZeneca, in fase 3 il vaccino è efficace al 79%
La sede centrale a Cambridge di AstraZeneca

“Lo studio di fase III AstraZeneca negli Stati Uniti del vaccino anti-Covid ha dimostrato un’efficacia statisticamente significativa del 79% nel prevenire Covid-19 sintomatico e del 100% nel prevenire malattie gravi e ospedalizzazione”. È quanto si legge in una nota stampa della multinazionale presentando i risultati del trial di fase tre portato avanti negli Stati Uniti.

“Questa analisi ad interim di sicurezza ed efficacia - prosegue la nota - si è basata su 32.449 partecipanti che hanno maturato 141 casi sintomatici di Covid-19. L’efficacia del vaccino è stata coerente per etnia ed età. In particolare, nei partecipanti di età pari o superiore a 65 anni, l’efficacia del vaccino è stata dell’80%”.

“Il vaccino è stato ben tollerato e il comitato indipendente per il monitoraggio della sicurezza dei dati (Dsmb) non ha identificato problemi di sicurezza relativi al vaccino – spiega la multinazionale farmaceutica -. Il Dsmb ha condotto una revisione specifica degli eventi trombotici e della trombosi del seno venoso cerebrale con l’assistenza di un neurologo indipendente. Il Dsmb non ha riscontrato un aumento del rischio di trombosi o eventi caratterizzati da trombosi tra i 21.583 partecipanti che hanno ricevuto almeno una dose del vaccino. La ricerca specifica per Cvst non ha trovato eventi in questo studio.”

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com