Fitch conferma il rating per l'Italia ma le prospettive economiche diventano negative

Fitch conferma il rating ma l'outlook è negativo

L'agenzia Fitch conferma il rating BBB dell'Italia ma rivede al ribasso l'outlook da “stabile” a “negativo”. Intanto l'economia italiana rallenta, come certifica l’Istat, e riparte la tensione sul Btp a due anni con lo spread schizzato a 290 punti venerdì 31 agosto.

A luglio gli occupati sono diminuiti e gli inattivi sono aumentati (0,7%, cioè di 89 mila persone). La disoccupazione, invece, cala al 10,4%. Scende anche quella giovanile al 30,8%, pur rimanendo altissima.

Nel secondo trimestre dell'anno l'economia italiana è cresciuta dello 0,2%, confermando il rallentamento segnato con la prima stima. Nei tre mesi precedenti il Pil aveva registrato un rialzo dello 0,3%.

A dieci anni dall'inizio della crisi economica - rende noto l'Istat - il Pil italiano ha perso il 5,3%. Il confronto è con il primo trimestre 2018, quando si toccò il massimo storico. Nonostante il rallentamento degli ultimi mesi, la fase di espansione dell'economia italiana prosegue da 16 trimestri consecutivi, seppur su livelli inferiori a quelli medi europei.

Articoli correlati

Bankitalia: utile a 6,2 mld. E 5,7 sono versati nelle casse dello Stato

Banca d'Italia chiude il 2018 con un utile netto in forte crescita a 6,24 miliardi di euro a fronte dei 3,9 mld registrati nel 2017. L'utile lordo, spiega il governatore Ignazio Visco, è cresciuto a 8,9 mld "per il miglioramento del margine di interesse che ha beneficiato dell'aumento dei tassi sui titoli di Stato acquistati per finalità di politica monetaria e del calo degli interessi negativi sul rifinanziamento". [continua ]

Moneta & Mercati

quoted business

Bankitalia, debito record a 2.358 miliardi. Scende la quota di Btp in mano a stranieri

Torna a salire il debito pubblico italiano, che ha segnato livelli record nel corso dell'anno passato. Dopo il calo di dicembre, a gennaio il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato di 41,3 miliardi rispetto al mese precedente, risultando pari a 2.358 miliardi, secondo i dati diffusi da Bankitalia. A spiegare l'incremento per la Banca Centrale ci sono per 44 miliardi l'aumento delle disponibilità liquide del Tesoro, solo in parte compensato dall'avanzo di cassa del mese (2,5 miliardi). [continua ]

Moneta & Mercati
Frase del giorno - Parole

Non commento dichiarazioni di questo o quel ministro, ma una cosa è chiara: l'indipendenza dei banchieri centrali va rispettata, è parte del funzionamento delle democrazie liberali.

Moneta & Mercati

L'economia si "raffredda". L’inflazione continua a scendere: 0,9% a gennaio

L'inflazione rallenta ancora: a gennaio l'indice si ferma allo 0,9%, dall'1,1% di dicembre. Lo rileva l'Istat. Il tasso risulta così in frenata per il secondo mese consecutivo, attestandosi sotto la soglia dell'1%. È il valore più basso dall'aprile del 2018. Sempre a gennaio rallenta anche la crescita dei prezzi per il “carrello della spesa” (che include i beni alimentari, per la cura della casa e della persona). L'indice scende allo 0,5%, dallo 0,7% registrato l'ultimo mese dello scorso anno. [continua ]

Moneta & Mercati

Le banche sono di nuovo sotto stress. La Bce invia una lettera sui crediti deteriorati

Le banche sono di nuovo sotto stress. Ma stavolta non è colpa di nuovi test. Bensì di una lettera inviata dalla Banca Centrale Europea. Secondo il Sole24Ore, nel mirino della Bce non c’è soltanto il Monte dei Paschi di Siena, che ha ricevuto la missiva da Francoforte il 5 dicembre scorso ma la notizia è stata rivelata dalla banca soltanto il 14 gennaio, giorno in cui ha bruciato sui mercati in un giorno circa 10 punti. [continua ]

Moneta & Mercati
Carige, salvataggio pubblico e nazionalizzazione. Se necessari

quoted business

Carige, salvataggio pubblico e possibile nazionalizzazione. Se necessario

Moneta & Mercati

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com